Supplementi al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Dossier Cocaina

Vin Mariani, cocaina per tutti: Angelo Mariani, imprenditore e uomo di cultura

| pagina 1 di 7 | seguente >

Indice del Dossier sulla cocaina

Home Page                                             Indice del Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

 

Angelo Francois Mariani
17 dicembre 1838 - 1 aprile 1914


 



Mariani, nato in Corsica, proveniente da benestante famiglia di farmacisti e dotato di intelligenza pronta e vivace, poté studiare, diventando chimico e preparatore farmaceutico. Nel 1863, in Francia dove era emigrato per lavoro, inventò una bevanda tonica, realizzata con vino di Bordeaux nel quale erano messe a macerare foglie di coca. In realtà nel laboratorio della sua farmacia a Parigi preparò parecchie specialità, ma fu il "Vin Mariani" a dargli una fortuna economica e la celebrità.

L'inventore si era ispirato per la sua creazione ad un importante medico, antropologo e scienziato dell'epoca, Paolo Mantegazza, che nel 1859 aveva pubblicato un saggio “Sulle virtù igieniche e medicinali della coca e sugli alimenti nervosi in generale”. Lo scienziato lombardo, nel corso d'una sua lunga permanenza in Perù, aveva infatti osservato (e sperimentato personalmente) l'ampio uso che gli indigeni facevano delle foglie di coca, «la magica pianta degli Incas», descrivendo in termini più che positivi gli effetti provocati dalla sostanza. In quello stesso periodo, in effetti, non pochi medici e scienziati proponevano di utilizzare la coca per fini terapeutici, soprattutto per la cura delle malattie mentali.

Il vino Mariani

Mariani immise sul mercato la bevanda, commercializzata con il nome di "Vino Mariani", che si diffuse e divenne famosa in tutto il mondo. Fu un successo enorme che gli valse la celebrità.

Il Vino Mariani fu particolarmente apprezzato da due papi: Leone XIII e Pio X. Il primo ne fu così entusiasta che, in segno della sua approvazione ufficiale, lo insignì d'una medaglia d'oro speciale. Il ritratto di tale pontefice, inoltre, comparve quale "testimone d'alto rango" su alcuni manifesti ed inserzioni che Mariani aveva ordinato per pubblicizzare il prodotto.

I papi, però, non furono certo gli unici celebri estimatori del prodotto, infatti fra il 1870 ed il 1913, Mariani ebbe, fra i suoi innumerevoli clienti di tutto il mondo, ben sedici fra re e regine, dallo zar di Russia al principe di Galles, dallo Scià di Persia alla Regina Vittoria ed oltre un migliaio di altre celebrità, da Sarah Bernhardt a Thomas Edison, da Émile Zola a Charles Gounod, da Herbert George Wells al presidente americano William McKinley. Non mancarono gli scrittori come Verne, Dumas, Conan Doyle, Stevenson e gli scienziati come Poincaré. Famosi o sconosciuti, questi clienti compravano (o spesso, se erano importanti, ricevevano in omaggio) il suo famoso “Vino Tonico Mariani alla coca del Perù”.  il Vin Mariani diventò in breve così popolare da far sorgere numerose imitazioni, dal vino alla coca Maltine al Metcalf.

La composizione del tonico

Tecnicamente, il Vino Mariani era preparato macerando 60 grammi delle "migliori foglie di coca" provenienti dal Perù, per 10 ore, in un litro di "fine Bordeaux"; poteva contenere da 150 a 300 milligrammi per litro di cocaina, cosicché un bicchiere non ne poteva accogliere più di 25-50 milligrammi. A queste dosi, la cocaina ingerita per bocca ha un'azione assai modesta, anche perché viene rapidamente scissa in composti non psicoattivi. Ma nel “magico” vino del signor Mariani c'era un segreto, a lui in effetti ignoto e solo recentemente scoperto. Due gruppi indipendenti di ricercatori, a Barcellona in Catalogna ed a Miami in Florida, nel 1990 hanno scoperto che associando alcool e cocaina si forma un prodotto, il cocaetilene, che mantiene le caratteristiche psicostimolanti della cocaina. Pertanto - a parte qualche timore d'una maggiore tossicità - l'assunzione della cocaina in soluzione nel vino potenzia di molto l'effetto di una stessa dose di alcaloide presa per bocca da sola.

E' stato scritto che ogni oncia di Vin Mariani conteneva l’11% di volume alcolico e in media 6,5 milligrammi di cocaina. I dati della composizione forniti dallo stesso Mariani nel 1904 danno un tasso alcolico più alto (17% in volume).


La pubblicità

In poco tempo la "Ditta Mariani" aprì sedi e succursali a Parigi, Londra e New York. Sebbene copiato da diversi concorrenti sulle due sponde dell'oceano, egli trovò un modo efficace ed originale di mantenere il suo primato: cominciò a pubblicare le lettere di ringraziamento ricevute dai clienti più famosi in una serie di "Figure contemporanee" con note biografiche, ritratti, riproduzioni di lettere autografe e così via: lussuosi "Album Mariani" con tiratura limitata, edizioni popolari o addirittura cartoline e supplementi di giornali.  Attualmente il (meraviglioso) sito francese Gallica ha reso disponibili tutti i 10 volumi in cui furono raccolti con cadenza annuale ritratti litografati, biografie e testimonianze. A dire il vero  le biografie raccolte nelle Figures contemporaines, tirées de l'album Mariani erano condite con una retorica untuosa e agiografica, insopportabile per lo storico e per molti dei nostri contemporanei - anche se non per tutti. Minerva mette a disposizione dei lettori il primo volume di questa prestigiosa serie, un vero documentario della belle époque.

 

Angelo Mariani

Inizio di carriera

 

Angelo Mariani

Uomo celebre

Angelo Mariani

Borghese

Angelo Mariani

Chimico immortalato come

'divulgatore della coca'

 

Una splendida fotografia risalente al 1897. Sono ritratti Antoine Lumière (1840-1911) padre di Auguste e Louis Lumière, Félix Tournachon dit Nadar (1820 -1910), Angelo Mariani, Paul-Armand Silvestre (1837-1901) et Louis Bourguignon (n. 1856). Silvestre, editore, poeta ed allievo dell'École polytechnique sta intrattenendo Antoine Lumière, capostipite della dinastia, il grande fotografo Nadar, il nostro Mariani e Louis Bourguignon, già medico della marina militare ed uno dei personaggi ritratti negli Album di Mariani. Silvestre mise a stampa con tecniche d'avanguardia La Fleur de Coca.

 


| pagina 1 di 7 | seguente >


Il sito Minerva in cui vi trovate contiene migliaia di pagine. Usate il motore di ricerca interno! Usa il motore di ricerca!