Dizionario di Chimica e di Chimica Industriale

H

Hashish - Hybinette

   

Un sistema periodico ...

 

 

 

HASHISH
Droga costituita dalla resina che si ricava dalle foglie e dalle inflorescenze femminili della canapa indiana (Cannabis indica)

Usa il motore di ricerca!

HEAVY CHEMICALS
Se non si considera la petrolchimica, tutta la produzione chimica deriva da una decina di prodotti, definiti spesso come "heavy chemicals" (prodotti chimici pesanti): acido solforico, ammoniaca, idrossido di sodio, cloro, acido fosforico, nitrato d’ammonio, acido nitrico, carbonato di sodio e urea. Su di essi si è sviluppata, negli ultimi cento anni, molta dell’industria chimica, in dipendenza dalla disponibilità di materie prime e dallo sviluppo di idonei processi.

Ritorna alla home page

Ritorna a Introduzione alla storia della chimica

Ritorna a rubrica minibiografie

HEPT 

La sigla corrisponde ai temini inglesi per altezza equivalente ad un piatto teorico. Termine utilizzato in cromatografia per indicare l'altezza del tratto di colonna in cui l'effluente come tale è in equilibrio con la sua parte adsorbita sulla fase stazionaria. Come per le colonne di distillazione, l'efficienza della separazione nelle colonne cromatografiche è tanto migliore quanto più elevato è il numero dei piatti teorici, corrispondentemente l'HEPT dovrà risultare piccolo. L'HEPT è calcolabile dall'equazione di Van Deemter:

HEPT = A + B/V + CV

dove A, B, C sono costanti caratteristiche di un determinato sistema cromatografico e V è la velocità della fase mobile.

HESS, SAGGIO DI

Prova che serve a valutare la potenza di un esplosivo dallo schiacciamento subito da due cilindretti di piombo sui quali viene fatta brillare una piccola carica dell'esplosivo in esame.

 

HGH

Sigla di human growth hormone (ormone umano della crescita), denominazione inglese dell'ormone somatotropo.

 

HUMUS

Parte della materia organica del terreno di colore bruno scuro, derivante dalla trasformazione dei residui organici mediante processi biologici e chimico-fisici. La  formazione dell'humus nel suolo deriva soprattutto dall'attività dei batteri che decompongono le sostanze organiche animali e vegetali trasformandole profondamente. La materia organica è nel suolo in trasformazione continua, per cui è difficile distinguere l'humus propriamente detto dai residui che si stanno decomponendo. L'humus è costituito da un gruppo di sostanze particolari per composizione e proprietà fisiche e chimiche, indicate con il nome generico di composti umici. Di questi, una buona parte è data dagli acidi umici, solubili negli alcali; un'altra parte, insolubile, è formata dall'umina, costituita da composti pectici, lignina e acidi umici strettamente legati ai componenti minerali argillosi del suolo. Poiché la formazione dell'humus è influenzata da un gran numero di fattori biochimici, fisico-chimici e ambientali, oltre che dalla natura della sostanza organica di partenza, ne consegue che, a seconda della composizione e delle modalità di formazione, si possono distinguere vari tipi di humus: humus stabile quello che deriva dalla decomposizione lenta di residui vegetali a struttura complessa (ricchi di lignina), humus labile o di nutrizione quello che proviene dalla degradazione rapida di residui vegetali più semplici, teneri e immaturi. L'humus costituisce un fattore essenziale della fertilità del suolo poiché ne modifica le proprietà fisico-chimiche, migliorandone la struttura, favorendo la solubilizzazione degli elementi minerali che vengono così resi disponibili per le piante, ostacolando l'azione dilavante delle acque di pioggia, rendendo il suolo più poroso e stimolando quindi l'attività della microflora. La presenza dell'humus è perciò essenziale per la formazione del terreno agrario.

 

HYBINETTE, PROCESSO

Processo elettrolitico di depurazione del nichel dal rame e dal ferro. Si consideri una cella elettrolitica nella quale un diaframma (tela impregnata di gel di silice) separa la zona catodica centrale dalla zona anodica. Il nichel impuro è l'anodo, mentre l'elettrolita è una soluzione di solfato di nichel, solfato sodico e acido borico. Mediante una differenza di livello si crea una differenza di pressione idrostatica, quindi un flusso di elettrolita dalla zona catodica alla zona anodica, mentre si ha un flusso di ioni Cu++e Fe+++ in senso opposto. L'elettrolita che raggiunge la zona anodica viene continuamente estratto, depurato dal rame e dal ferro e reimmesso nella zona catodica, e così via, finché gli anodi sono sufficientemente puri. 

 


Consigli di lettura

Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Storia della chimica

Chimica, multinazionali alimentazione

Premi Nobel per la Chimica

Chimica e Immagini Sistema Periodico

Chimica, Epistemologia, Etica La chimica di Primo Levi

Chimica e Humor