Pictet, Raoul-Pierre

 

(Ginevra 4.4.1846 - Parigi 27.7.1929) Fisico e chimico svizzero. Dopo aver studiato a Ginevra ed essersi perfezionato a Parigi (1868-70), P. si dedicò, ritornato a Ginevra, agli esperimenti sulla fisica delle basse temperature. Nel 1877, contemporaneamente ma indipendentemente da = L.P. Cailletet, P. riuscì a liquefare l’ossigeno. La tecnica di Cailletet implicava compressione, raffreddamento ed espansione, quella di P. si basava su un metodo "in cascata", in cui, cioè, il gas liquefatto per primo serviva come refrigerante per la liquefazione del successivo e così via, in un processo in cui P. usò tre diverse sostanze: anidride solforosa, anidride carbonica e ossigeno. Nonostante una certa priorità di Cailletet, P. divide con lui il merito di aver liquefatto un primo gas dell’atmosfera: l’ossigeno. Dal 1879 P. resse la cattedra di fisica industriale a Ginevra, che lasciò nel 1886 per sviluppare economicamente le sue invenzioni aprendo un laboratorio di ricerca industriale a Berlino. Il suo liquido (anidride solforosa e anidride carbonica) fu coperto da brevetto; la sua tecnica richiedeva pressioni più basse che nei sistemi rivali, ma il contatto accidentale per fuoriuscite di anidride solforosa con acqua dava luogo a pericolosi acidi.

 

Ritorna alla home page
Ritorna a Introduzione alla storia della chimica
Ritorna a rubrica minibiografie