XIX SECOLO
La produzione del farmaco


Prima della sua registrazione, l'ASA fu sottoposto dalla Bayer a sperimentazione clinica - una prassi fino ad allora sconosciuta. I risultati furono così positivi che la direzione dell'azienda non esitò ad avviare la produzione del farmaco.

Quando l'1 febbraio 1897 la Bayer mette in commercio l'aspirina il nome non è scelto a caso: la "a" è l'abbreviazione di acido acetilsalicilico, "spir" viene da "spirsäure" che in lingua tedesca sta per "acido della spirea", la pianta da cui per la prima volta venne
estratto l'acido, e "ina" è uno dei suffissi classici utilizzati in chimica.
Il nome "aspirina", dunque, è una testimonianza precisa di quanto di utile può essere contenuto nelle erbe ma costituisce anche il punto di arrivo di una lunga ricerca scientifica.

Il 1° febbraio 1899 venne depositato il marchio Aspirina che un mese dopo, il 6 marzo, fu registrato nella lista dei marchi di fabbrica dell'Ufficio Imperiale dei Brevetti di Berlino.
Iniziava così una marcia trionfale: l’affermazione dell’aspirina fu da questo punto un crescendo.
 

Torna alla home page