CHI FU IL VERO SCOPRITORE DELL'ASPIRINA?


Il vero scopritore dell'aspirina non è stato lo scienziato cui da sempre viene attribuita l'impresa, ma il suo superiore, ebreo tedesco, Arthur Eichengruen, il cui ruolo è stato cancellato con l'ascesa al potere dei nazisti in Germania.

Questa rivelazione è stata fatta di recente da Walter Sneader, vicecapo del dipartimento di scienze farmaceutiche all'università di Strathclyde, a Glasgow a seguito di alcune ricerche che gli hanno permesso di trovare una descrizione della scoperta dell'aspirina di Hoffmann nella Storia della Tecnologia Chimica datata 1934 (un anno dopo la presa del potere di Adolf Hitler).

Sneader sostiene che:
- Hoffmann era una delle 10 persone che lavoravano sotto Eichengruen ai tempi della scoperta.
- un procedimento messo a punto da Eichengruen è stato seguito negli esperimenti che hanno portato all'aspirina

Secondo il professore scozzese, Eichengruen non aveva condizioni di contestare Hoffmann nel 1924 perché stava lottando contro la marea di antisemitismo e sperando di salvare la Eichengruen Lavori Chimici, l'azienda che aveva fondato dopo aver lasciato la Bayer nel 1908.
Eichengruen non ce l'ha fatta. La sua azienda e gran parte dei suoi averi sono stati sequestrati e, a 75 anni, è stato mandato al campo di concentramento di Theresienstadt nell'attuale Repubblica Ceca. E' sopravvissuto, ma non è stato in grado di pubblicare le sue rivendicazioni di aver scoperto l'aspirina fino al 1949. Lo ha fatto in un allora oscuro giornale scientifico tedesco chiamato Pharmazie, un mese prima di morire.

La Bayer, da un lato smentisce tali affermazioni, ma proclama che, se davvero fosse Eichengruen lo scopritore, non avrebbe avuto problemi ad assegnargliene il merito, anche perché lui possedeva altri 47 brevetti, che non gli furono molto utili a Teresienstadt....

Torna alla home page