Profilo di storia della mineralogia

 


Pagina 1 di 9

Vai all'indice della storia delle scienze sperimentali


 

Indice

 

Introduzione

L’inizio della Mineralogia moderna, dalla fine del XVIII° secolo fino alla metà del XX°

Cristallografia: dallo studio geometrico delle forme cristalline alla cristallografia con i raggi X

Proprietà chimiche

Proprietà fisiche

Caratteri ottici: un modo essenziale di riconoscimento e di analisi

Una scoperta inattesa dovuta al microscopio polarizzante: i cristalli liquidi

Altre proprietà fisiche (elettriche, magnetiche e termiche)

Mineralogia sperimentale

La Mineralogia oggi

        Apparecchi di analisi a fascio di particelle (elettroni, ioni, protoni)

        L'uso dello spettroscopio infrarosso (IR) e  Raman

        Metodi di ablazione: Ablazione laser. SIMS

        Mineralogia teorica

                                        I geminati

                                        Epitassia

        I rapporti ambigui tra la Mineralogia e le altre discipline delle Scienze della Terra.


Introduzione

 

Nata nel XVIII° secolo, la mineralogia rimane una scienza molto attuale e, con lo sviluppo delle tecniche moderne, il suo campo di applicazione ricopre settori estremamente vari. Senza dubbio, le specie mineralogiche più importanti sono state attualmente scoperte. In media, circa un centinaio di nuovi nomi sono sottoposti alla commissione di nomenclatura che, sotto l’egida dell’Unione Internazionale di Mineralogia, riconosce le nuove specie e discredita vecchi minerali insufficientemente caratterizzati. Il saldo non supera qualche decina di specie nuove per anno, sovente quelle di taglia più piccola. Ma se la scoperta di nuove specie, è la segreta speranza di molti mineralogisti, per interessante che sia , non costituisce che un aspetto particolare, in definitiva assai limitato, della ricerca mineralogica.

La mineralogia gioca un ruolo centrale in tutte le Scienze della Terra: in Petrografia, sia essa ignea,metamorfica o sedimentaria, ci si interessa per prima cosa ai minerali che costituiscono le rocce. Si potrebbe dire altrettanto della Geologia Strutturale, della Metallogenesi o della stessa Geofisica, interessandosi a parametri in generale interpretati con riferimento a fasi minerali ( "olivina" a struttura di perovskite, fasi ipotetiche del mantello profondo o del nocciolo, etc).

La cristallografia che sotto i suoi aspetti più immediati (cristallografia geometrica) è stata all’origine della mineralogia, è oggi usata più ampiamente, ed è divenuta uno strumento essenziale in chimica (inorganica e organica, per lo studio di tutti i composti artificiali che non sono rigorosamente dei minerali, essendo questo termine in principio riservato ai corpi naturali), in fisica (soprattutto fisica dello stato solido) o in biologia (e.g: struttura delle proteine). Ne risulta un rischio non trascurabile, che si può verificare con il ritmo della scomparsa delle cattedre di mineralogia nella maggior parte delle università del mondo: diluendosi nelle altre discipline, la mineralogia tende a perdere la sua identità, divenendo uno strumento nelle mani di altri specialisti che non sempre ne comprendono le sottigliezze.

Al fine di comprendere tutta l’importanza della Mineralogia in seno alla Scienze della Terra, è importante conoscere le grandi tappe del suo sviluppo storico: "the more one knows about minerals, the better Earth Scientists one will be , no matter what one’s individual specialization" ( il maggior studioso delle Scienze della Terra, a prescindere dalla propria specializzazione individuale, è colui che ha maggiori conoscenze nel settore della Mineralogia) (F.C. Hawthorne, Presidential Address Mineralogical Association of Canada, 1992).

| Indice | Seguente >


Testi del Progetto Euromin, tratti dal sito http://euromin.w3sites.net/

Torna alla home page