Abiura di Galileo Galilei

Testo trascritto da Angela Cerinotti

 

 

 

Io Galileo, fu Vincenzo Galilei, fiorentino, di anni 70, personalmente costituito in giudizio e inginocchiato davanti a voi Eminentissimi e Reverendissimi Cardi­nali Inquisitori generali in tutta la Repubblica Cristia­na contro la malvagità eretica; avendo davanti agli oc­chi i santi Vangeli, su cui poso le mani, giuro che ho sempre creduto, credo e con l'aiuto divino crederò per l'avvenire tutto ciò che accoglie, predica e insegna la Santa Chiesa Cattolica e Apostolica. Ma poiché que­sto Sant'Uffizio, per avere io, dopo essermi stato formalmente intimato con un precetto dello stesso di ab­bandonare completamente la falsa teoria che il Sole è centro del mondo e non si muove e la Terra non è cen­tro del mondo e si muove, e di non mantenere, difen­dere ne insegnare in qualunque modo, ne a parole ne per iscritto, la suddetta falsa dottrina, e dopo essermi stato notificato che tale dottrina è contraria alla Sacra Scrittura, scritto e dato alle stampe un libro in cui ne parlo pur essendo già stata condannata e porto argo­menti efficaci a suo favore, senza prendere netta posizione, mi ha giudicato veramente sospetto di eresia, cioè di aver tenuto fermo e creduto che il Sole è centro del mondo e immobile e la Terra non ne è il centro e si muove, volendo cancellare dalla mente delle Vo­stre Eminenze e da quella di ogni cristiano questo grave sospetto, giustamente concepito contro di me, con cuore sincero e autentica fede abiuro, maledico e dete­sto i suddetti errori ed eresie e in generale ogni qua­lunque altro errore, eresia o setta contraria alla Santa Chiesa; e giuro che per l'avvenire non dirò mai più ne asserirò, ne a parole ne per iscritto, cose tali per cui possa rinascere su di me un tale sospetto, ma se m'im­batterò in qualche eretico o sospetto d'eresia, lo de­nuncerò a questo Sant'Uffizio, ovvero all'Inquisitore o Ordinario del luogo dove dovessi trovarmi.

 

Giuro altresì e prometto di adempiere e osservare in­teramente tutte le penitenze che mi sono state o mi sa­ranno inflitte da questo Sant'Uffizio e che se, Dio non voglia, dovessi contravvenire in qualche modo alle mie promesse o ai miei giuramenti, mi sottometterò a tutte le pene e castighi previsti dal diritto canonico e dalle altre disposizioni generali e particolari previste e promulgate contro questi reati.

 

Mi possano in ciò aiutare Dio e i suoi santi Vangeli, su cui poso le mani.

 

Io, suddetto Galileo Galilei, ho abiurato, giurato, promesso e mi sono obbligato come sopra; e in fede della verità ho firmato di mio pugno il presente docu­mento d'abiura e l'ho recitato parola per parola, a Ro­ma, nel convento di S. Maria sopra Minerva, oggi, 22 giugno 1633.

Io, Galileo Galilei, ho sottoscritto la suddetta abiu­ra, di mio pugno.

 

Vai ad altri testi che riguardano Galileo Galilei