I testi della condanna e dell'abiura di Galileo Galilei, 1633

 

I testi qui pubblicati sono i seguenti:

 

Testo originale della sentenza

Testo trascritto della sentenza

Testo originale dell'abiura

Testo trascritto dell'abiura

 

 

 

 

 

 

Abbiamo tratto il testo originale, e trascritto in italiano corrente dal bel volume curato da Angela Cerinotti (Bussolengo: Demetra, 1995). Di Cerinotti è anche questa breve introduzione ai testi:

 

Galileo, dopo la pubblicazione e la breve circolazione del Dialogo sul sistema tolemaico e copernicano (febbraio-luglio 1632), tentò di evitare un confronto diretto con l'Inquisizione e di resistere all'ordine di presentarsi a Roma, essendo nel frattempo fattesi più cagionevoli le sue condizioni di salute e prospettandosi ormai la brutta stagione. Dovette tuttavia partire, in inverno, per il processo formalmente allestito contro di lui, che si concluse con la: sentenza qui riportata il 22 giugno 1633, emessa nel convento di S. Maria sopra Minerva.

 

Dei dieci ecclesiastici costituenti la corte, non sottoscrissero il verdetto Gasparo Borgia, vissuto a lungo a Roma senza mai tuttavia interrompere legami di stretta collaborazione con il re di Spagna; il genovese Laudisio Zacchia, che aveva studiato giurisprudenza a Pisa e si era dato tardi allo stato ecclesiastico, e Francesco Barberini creato cardinale da Urbano Vili, suo zio, nel 1623.

 


 

Il sito Minerva è impostato sulla didattica e la storia contemporanea delle scienze sperimentali. E tuttavia la sua funzione è essenzialmente quella di favorire lo sviluppo della cultura scientifica in Italia. È per questo motivo che, in un periodo storico in cui la cultura delle scienze è addirittura in pericolo di essere emarginata nell'educazione dei ragazzi, riportiamo il testo della sentenza pronunciata dal Sant'Uffizio contro Galileo Galilei (1564-1642), nonché quello dell'abiura sottoscritta dallo scienziato e recitata dal settantenne scienziato inginocchiato davanti ai cardinali inquisitori.

 

Si può leggere anche un approfondimento sull'attività scientifica di Galileo e l'abiura.

 

I testi qui pubblicati sono i seguenti:

 

Testo originale della sentenza

Testo trascritto della sentenza

Testo originale dell'abiura

Testo trascritto dell'abiura


 

Ritorna alla home page