Minibiografie di scienziati

Y

 

 

 

 
Young, Thomas  1773-1829 Fisico inglese, medico e egittologo. Inizi˛ nel 1799 una pratica medica a Londra, ed entr˛ a far parte del personale dell'ospedale st George (1811) . Nelle sue conferenze come professore di filosofia naturale (1801-3) alla Royal Institution, Londra, pubblicate come A Course of Lectures on Natural Philosophy and the Mechanical Arts (1807), ha introdotto il concetto fisico moderno di energia. Un'autoritÓ sul meccanismo della visione e sull' ottica, ha proposto (1807) una teoria della percezione del colore ora conosciuta come la teoria Young-Helmholtz, studi˛ la struttura dell'occhio e descrisse il difetto denominato astigmatismo. ╚ noto particolarmente per aver fatto rivivere la teoria dell'onda di luce in contrasto con la teoria corpuscolare, avanzando come prova una dimostrazione basata sul principio di interferenza della luce, che per primo ha formulato nel 1801. Ha applicato (1809) la teoria ondulatoria ai fenomeni della dispersione e di rifrazione. La versatilitÓ di Young Ŕ provata dai suoi contributi alla teoria delle maree, dalla sua partecipazione alla decifrazione della pietra di Rosetta , che ha fornito una chiave per capire le scritture geroglifiche egiziane, dalla sua spiegazione (1804) della capillaritÓ (proposta indipendentemente da Laplace nel 1805) e la sua proposta di un coefficiente di elasticitÓ, il modulo di Young.
 

Ritorna alla home page

Ritorna a Introduzione alla storia della chimica

Ritorna a rubrica minibiografie

Il sito contiene oltre 1000 pagine. Usate il motore di ricerca!