Minibiografie di scienziati

O

 

Oberth, Hermann Hermannstadt [ora Sibiu], Romania, 1894 - Norimberga 1989 Ingegnere e fisico tedesco di origine romena , uno dei precursori dell'astronautica. Si fece conoscere nel 1923 con la tesi di dottorato intitolata I razzi verso gli spazi interplanetari. Fu anche consulente tecnico del regista Fritz Lang per il film Una donna sulla Luna (1929). Studiò e costruì un razzo a propellente liquido. Durante la seconda guerra mondiale fu uno degli organizzatori della base di Peenemünde e collaborò alla realizzazione di diversi razzi tedeschi. Nel 1955 fu chiamato negli Stati Uniti da Wernher von Braun. Nel 1959 tornò in Germania. Importantissimo è il suo contributo alle ricerche sui combustibili per razzi vettori. Autore di Uomini nello spazio (1954).
Odling, William Londra, 5 settembre 1829 - Oxford, 17 febbraio 1921 Chimico inglese. E' noto per aver individuato nel 1853 il "tipo metano", durante lo studio degli idrocarburi. Parallelamente agli studi di medicina, si interessa alla chimica: ottiene la cattedra di chimica alla Royal Institution e nel 1872 a Oxford. Stringe amicizia con molti studiosi inglesi e tramite Williamson conosce Kekulè che rimane fortemente impressionato dalle sue ricerche sugli idrocarburi. Discusse a lungo i problemi legati alla determinazione dei pesi atomici.
Ohm, Georg Simon Erlangen 1787 - Monaco di Baviera 1854 Fisico tedesco. Professore di matematica e fisica al collegio dei gesuiti di Colonia (1817), poi alla scuola di guerra di Berlino (1826), divenne direttore della Scuola politecnica di Norimberga (1833) e professore di fisica all'università di Monaco (1849). Scoperse nel 1827 la celebre legge che porta il suo nome e introdusse una terminologia scientifica nello studio dell'elettricità definendo i concetti di carica elettrica, forza elettromotrice e intensità di corrente. Si occupò anche di acustica (enunciò la legge che stabilisce il potere separatore dell'orecchio umano) e di ottica (interferenza della luce polarizzata).
Oliphant, Markus Laurence Elwin Adelaide, Australia 1901- Canberra, Australia 2000  Fisico inglese. Iniziati gli studi nella città natale, si recò poi al Trinity College di Cambridge; divenne poi assistente nel laboratorio Cavendish (1935) e professore all'università di Birmingham (1937). È autore di lavori di fisica atomica. Nel 1934 ottenne una sorgente di neutroni bombardando il deuterio con deutoni veloci. Durante la seconda guerra mondiale si recò negli USA, a Berkeley, dove lavorò con E. O. Lawrence. È l'inventore del sincrociclotrone .
Onsager, Lars Oslo 1903 - Miami 1976 Chimico norvegese naturalizzato americano . Laureato in ingegneria chimica al politecnico di Trondheim, perfezionò i suoi studi al politecnico di Zurigo: recatosi successivamente negli Stati Uniti, si laureò in chimica teorica nel 1935. Dal 1945 fu titolare della cattedra di questo insegnamento all'università Yale. Oltre a studi nel campo della chimica degli elettroliti, delle trasformazioni di fase, il suo maggiore contributo nel campo della chimica teorica è la scoperta delle relazioni di reciprocità fra processi irreversibili, che gli valse nel 1968 il premio Nobel per la chimica.
Ostwald, Wilhelm Riga 1853 - Grossbothen 1932 Chimico tedesco. Ricevette nel 1909 il premio Nobel per la chimica. Professore di chimica al politecnico di Riga (1881), professore di chimica-fisica all'università di Lipsia (1887) e direttore dell'Istituto di elettrochimica della stessa città (1898), Ostwald è noto soprattutto per i suoi lavori sugli elettroliti e sulla catalisi. Nel 1888, applicando alla ionizzazione degli elettroliti la legge dell'azione di massa scoprì la legge della diluizione che porta il suo nome . Nel 1907 mise a punto la preparazione industriale dell'acido nitrico per ossidazione catalitica dell'ammoniaca. Si occupò anche di argomenti di natura filosofica e fondò gli Annalen der Naturphilosophie; nella sua opera L'energia e le sue trasformazioni sviluppò l'idea di una concezione energetica del mondo. Scrisse: Manuale di chimica generale (1884-1887), Elettrochimica (1894), Lezioni di Chimica (1903), Armonia dei colori (1918), ecc. In collaborazione con Van't Hoff pubblicò a partire dal 1887 la Zeitschrift für physikalische Chemie, la prima rivista al mondo interamente dedicata alla chimica fisica.

 

Ritorna alla home page

Ritorna a Introduzione alla storia della chimica

Ritorna a rubrica minibiografie