Minibiografie di scienziati

F

 

 

Fischer, Emil Hermann

Ritratto

Euskirchen, Bonn, 1852 - Berlino 1919 Chimico tedesco. Professore di chimica a Erlangen (1882), Würzburg (1885) e Berlino (1892), ottenne il premio Nobel per la chimica nel 1902. A lui sono dovute fondamentali ricerche sulle basi puriniche; determinò la struttura della xantina, caffeina, teobromina, ecc. e si occupò a lungo della loro sintesi. Il suo nome è anche legato alla chimica degli idrati di carbonio e i suoi studi mostrano una grande abilità sperimentale e un'eccezionale intuizione scientifica; riuscì infatti a stabilirne la stereochimica e a sintetizzarne un gran numero. È considerato anche il fondatore della chimica degli enzimi e gli si devono importanti ricerche sulla sintesi delle proteine.
Fourcroy, Antoine-François de Parigi, 15 giugno 1755 - 16 dicembre 1809 Laureatosi in medicina nel 1780 a Parigi, nel 1784 viene eletto professore di chimica al Jardin du Roi e nel 1785 all'Académie. Nel 1786 incontra Lavoisier e diviene acceso sostenitore della tesi antiflogistica. Collabora infatti alla stesura del Méthode de nomenclature chimique. Prende parte alla Rivoluzione e, per volere di Napoleone, dal 1799 al 1808 si occupa della nuova organizzazione scolastica.
Fracastoro, Girolamo Verona 1483 - Incaffi, Verona 1553 Umanista e scienziato italiano . Autore di un trattato sulla propagazione delle malattie per contagio (De contagione et contagiosis morbis, 1546), di opere di geografia, di astronomia, di teologia e di religione, ebbe grande rinomanza come poeta latino, soprattutto per il poema Syphilis sive de morbo gallico (1530). Collega e amico di Copernico, lavorò anche come professore di logica a Padova. Nell'ultimo anno di vita, Fracastoro scrisse tre dialoghi filosofici: Naugerius sive de Poetica, Turrius sive de Intellectione e l'incompiuto Fracastorius sive de Anima.

 

Frankland, Edward Churchtown, 18 gennaio 1825 - Gudbrandsdalen (Norvegia), 9 agosto 1899 Chimico inglese, noto per gli studi sui composti metallorganici. Si laurea nel 1849, dopo aver lavorato come assistente di Lyon Playfair nel laboratorio della School of Mines, dove incontra Kolbe. Trasferitosi a Marburg (1847), lavora con Bunsen e prima di rientrare in Inghilterra nel 1851, conosce Liebig a Giessen. Professore di chimica in prestigiosi istituti, è membro della Royal Society dal 1853.
Fraunhofer, Joseph von Straubing, 6 marzo 1787 - Monaco di Baviera, 7 giugno 1827 Fisico tedesco. Interessato agli studi di ottica, perfeziona telescopi acromatici e altri strumenti ottici. Intrapresa un'osservazione sistematica degli spettri e studi su varie sorgenti, nel 1815 scopre delle righe scure nello spettro solare, dette "righe di Fraunhofer". L'importante scoperta, a cui seguiranno nel 1895 le leggi di Kirkhhoff, consente di ottenere a distanza informazioni chimiche dell'atmosfera dell'astro.

 

Datario biografico di scienziati, tecnici, esploratori, filosofi della scienza e artisti

Indice generale del datario

Lettera F: 545 voci

 

Ritorna alla home page

Ritorna a Introduzione alla storia della chimica

Ritorna a rubrica minibiografie

Il sito contiene oltre 1000 pagine. Usate il motore di ricerca!