Fattori di controllo della
sintesi di Etilene

Fattori di controllo della sintesi dell’etilene sono essenzialmente le condizioni ambientali avverse (ossigeno, temperatura e luce). Infatti, le piante sottoposte a stress causati da eccessi termici, da carenza idrica, da ferite, da eccessi idrici ecc. aumentano la produzione di etilene.

Lo stress sembrerebbe alterare le proprietà delle membrane cellulari, senza uccidere le cellule e queste variazioni sarebbero responsabili dell’induzione della sintesi di etilene, probabilmente attraverso la via metabolica della metionina.

L’attività dell’etilene aumenta all’aumentare della concetrazione di ossigeno e diminuisce man mano che l’ambiente si satura di anidride carbonica.In una cella se si satura l’ambiente di anidride carbonica si inibisce la respirazione e si ritarda la maturazione.

In condizioni di eccesso idrico del terreno, le radici, trovandosi in ambiente anaerobico, sintetizzano ACC che viene trasportato, attraverso lo xilema , alla parte aerea, dove viene convertito aerobicamente ad etilene.

Se le condizioni di anaerobiosi persistono, nella parte aerea si genera un accumulo di etilene che provoca epinastia dei piccioli e, in certi casi, l’inibizione dell’allungamento degli organi e in particolare dei cauli .

In condizioni di carenza di ossigeno ([O2]<2%), l'etilene prodotto è in grado di stimolare la formazione di radici laterali o avventizie, ma se l'eccesso idrico si prolunga fino a ridurre la concentrazione di ossigeno a valori bassissimi, la produzione di etilene può essere eccessiva ed inibire la crescita delle radici


LA BIOSINTESI
L'Etilene
GLI EFFETTI