Citazioni e questioni di bibliografia

Indice SIS 2004-2005

 

La professionalitÓ di un elaborato scritto in campo storico-critico si valuta anche dall'ampiezza e correttezza delle fonti citate. Un eccesso di fonti citate porta il lettore a convincersi che non siano mai state lette. Un difetto o un'assenza totale di citazioni porta il lettore a ritenere che l'autore abbia plagiato il lavoro altrui, e che non voglia renderne conto. Le citazioni non diminuiscono affatto l'originalitÓ di un elaborato, originalitÓ che spesso risalta proprio dall'accostamento di fonti apparentemente lontane - come tema, periodo storico, etc.

Negli elaborati per il Corso di Storia ed Epistemologia della Scienza non sono ammese citazioni in lingua diversa dall'italiano, a meno che siano accompagnate dalla traduzione nella nostra lingua.

La citazione della fonte Ŕ obbligatoria quando viene riprodotto un testo tra virgolette.

E' necessario abituarsi ad  essere corretti nel citare le proprie fonti.

Attenzione: se il formato della citazione non fosse corretto si tratterebbe di un errore, e come tale abbasserebbe la valutazione dell'elaborato.

Esempi di bibliografia corretta:

Citazione di un testo in un volume collettaneo: L. Cerruti, "L'educazione ai valori della scienza come pratica ermeneutica", in: Atti dell' XI░ Congresso Nazionale di Didattica Chimica, Fasano: Seriarte, 2000, pp. 192-211. N

Citazione di un articolo: L. Cerruti, "Di che segno sei?. Didattica delle scienze e consapevolezza scientifica", Iter, 4, pp. 30-35 (2001).

Citazione di un libro: L. Cerruti, La mole. Uno studio sulla epistemologia regionale dei chimici, Torino: Istituto di Metrologia "Gustavo Colonnetti", 1984.

Citazione di un testo reperito in rete: L. Cerruti, "Physics, a dance of molecules. Teologia della natura e gerarchie disciplinari nella fisica molecolare di Maxwell", URL: http://www.brera.unimi.it/old/Atti-Como-97/Cerruti.pdf.