L'Uomo e il sapere

L'etica delle logiche

L'etica delle logiche

Bibliografia

 Ritorna alla Home Page

Ritorna a Oltreconfine

Umberto Cerruti

cerruti@dm.unito.it

Università di Torino

 

 

Nota redazionale: La Bibliografia che segue è stata concepita come corredo dell'articolo "L'etica delle logiche". Per originalità e interesse ci è parso utile renderla accessibile anche separatamente dal testo-padre.

 

 

Anche se ritengo che l'esistenza di Dio non sia dimostrabile (come ovviamente mi sembra indimostrabile la sua non-esistenza) penso che – come l'arte, la letteratura e la filosofia – la scienza sia una strada maestra che indica con forza la presenza di Dio nell'universo. Si vedano (bisogna pur scegliere nell'immensa letteratura sull'argomento):

Stanley L. Jaki – La strada della scienza e le vie verso Dio – Jaca Book 1981. L'autore è un sacerdote benedettino con dottorati in teologia e in fisica. Ci offre un quarto di secolo di studi e di amore.

Paul Davies – La mente di Dio – Mondadori 1993. Grande divulgatore, il fisico Paul Davies ci spiega perché attraverso le sue ricerche è giunto a credere che l'universo è costruito con tale sorprendente ingegnosità da non potere essere considerato un fatto puro e semplice. Particolarmente affascinante il capitolo IV "Matematica e realtà", dove parla di Life, la creatura cellulare scoperta dal grande matematico J. H. Conway.

Come dice Reinhard Löw "il confronto tra fisica e teologia non è né un confronto fisico né un confronto teologico, ma un confronto filosofico". In questo libro l'autore affronta anche tematiche attuali legate alla fisica moderna:

Reinhard Löw – Le nuove prove che Dio esiste – Piemme 1996.

La vacuità di molte dimostrazioni è discussa, forse con eccesso di humour – in certi casi – dal matematico e collega Piergiorgio Odifreddi in:

Piergiorgio Odifreddi – Il Vangelo secondo la Scienza – Einaudi 1999.

Su fondamentali questioni filosofiche poste dalla matematica:

J. D. Barrow – Perché il mondo è matematico? – Lezioni Italiane Laterza 1992.

Enrico Giusti – Ipotesi sulla natura degli oggetti matematici – Bollati Boringhieri 1999.

Sui numeri reali, l'infinito, l'innominabile, l'indimostrabile, l'indecidibile, Gödel, …, due libri splendidi:

Douglas R. Hofstadter – Gödel, Esher, Bach: Un'Eterna Ghirlanda Brillante – Adelphi 1884.

Rudy Rucker – La mente e l'infinito – Muzzio 1991. Non solo i numeri reali ma anche quelli surreali di J. H. Conway.

Sulla bellezza della matematica:

Serge Lang – La bellezza della matematica – Bollati Boringhieri 1991. Argomenti matematici resi comprensibili a tutti con una tecnica perfettamente socratica.

David Blatner – Le gioie del p - Garzanti 1999. Le straordinarie trovate dell'ingegno umano per cercare di conoscere almeno qualcosa di un singolo numero (per altro inconoscibile all'uomo nella sua interezza).

Ancora due testi sui rapporti tra religione, scienza e teologia:

Carlo Maria Martini – Orizzonti e limiti della scienza – Cortina 1999. Decima cattedra dei non credenti. Incontro del cardinale con un cosmologo, un astrofisico, un astrobiologo, un biologo dell'evoluzione, un neurofisiologo, uno psicobiologo, un filosofo e un teologo.

Claude Allègre – Dio e l'impresa scientifica - Cortina 1999. Il millenario conflitto tra religione e scienza narrato dal geochimico Allègre, ministro della pubblica istruzione e ricerca nel governo Jospin.

Come il Beato Angelico esprime l'inesprimibile: un bellissimo saggio di teologia apofatica applicata all'ermeneutica dell'opera di un eccelso artista:

Georges Didi – Huberman, Beato Angelico, Figure del dissimile, Leonardo 1991.

Cito infine tre lavori che meravigliosamente fondono tra di loro racconto, filosofia e matematica:

Edwin A. Abbott – Flatlandia – Adelphi 1966. Il reverendo londinese Abbott visse tra il 1838 e il 1926. In questa favola ci narra, con logica precisa e tagliente, quali etiche sarebbero possibili in mondi a una o due dimensioni. E se l'universo ha più di tre dimensioni, non siamo anche noi un po’ "piatti"? E se Dio fosse un punto?

Malba Tahan (pseudonimo di un matematico brasiliano) – L'uomo che sapeva contare – Salani 1996. Incontro pieno di poesia e tenerezza con il mondo islamico attraverso la matematica.

Jorge Luis Borges – La biblioteca di Babele – in Finzioni, Einaudi 1978. Ci sono tutti i libri che sono stati e che saranno scritti; ma come trovarli?

Ritorna alla Home Page

Ritorna a Oltreconfine