Le Citazioni e gli Aforismi di Minerva

Gli Autori


Hermann Joseph Muller


 

Hermann Joseph Muller

 

Hermann Joseph Muller

 


Le immagini, dall'alto verso il basso:

Hermann Muller al lavoro: cosa sono diventati i miei moscerini?

Hermann J. Muller con la sua seconda moglie, Dorothea Kantorowicz Muller

Volontari delle Brigate Internazionali durante la guerra civile spagnola


 

 

 

La vita
[Testo tratto dal sito http://50annidna.scienze.unipd.it/]

Hermann Muller nacque a Manhattan nel 1890 e da giovane era il classico secchione alto meno di un metro e sessanta. Suo padre, che faceva il fabbro artigiano per la Muller Art Metal Works, influenzò Hermann con i suoi ideali socialisti e il suo amore per la scienza. Da ragazzo, Hermann passava le sue estati scalando le Montagne Adirondak e trascorreva le notti fantasticando su come sarebbe stata la sua vita sui pianeti che guardava al telescopio.

Dopo essersi diplomato all Morris High School nel 1907, all’età di sedici anni, Muller si iscrisse alla Columbia University dove frequentò il laboratorio di Drosophila di T. H. Morgan. Muller si unì agli altri studenti di Morgan che rubavano le bottiglie di latte dagli scalini delle case, per costruire dei nidi per I moscerini. Ma Muller si scontrò con Morgan e i suoi studenti, perché gli sembrava che nei loro articoli il suo contributo non venisse sufficientemente riconosciuto.

Per questo Muller appare su pochi articoli prodotti dal laboratorio del Moscerino, se non quelli scritti da lui. In un articolo Muller dimostrò che le mutazioni in un gene potevano alterare l’espressione in un altro gene, il che implica che molte caratteristiche del moscerino dipendono dall’interazione tra molti geni. Se ne andò dal laboratorio nel 1915 dopo aver ricevuto la laurea, e si spostò alla University of Texas.

Negli anni ’90 Muller condusse la ricerca che gli valse il Premio Nobel, dimostrando che i raggi X inducono mutazioni, e d’improvviso divenne famoso. Muller usò la sua notorietà con attenzione, battendosi contro l’uso indiscriminato dei raggi X in medicina, ma nonostante i suoi avvertimenti, alcuni medici addirittura prescrivevano i raggi X per stimolare l’ovulazione nelle donne sterili. La sua presa di posizione suscitò la rabbia di molti medici che lo ignorarono palesemente.

Le sue idee sul socialismo, che certo Muller non nascondeva, gli causarono dei problemi con le autorità del Texas. Contribuì a pubblicare un giornale comunista quando era a scuola, e l’FBI mise sotto controllo le sue attività. Muller percepiva che la società americana stesse regredendo, durante la Depressione, così se ne andò in Europa nel 1932.

Si trasferì nell’Unione Sovietica nel 1934, e tanto gli bastò per "curarlo" delle sue simpatie comuniste, nonostante egli rimanesse un convito socialista. All’inizio, contento della società progressista, scrisse alcuni famosi articoli che magnificavano il calore delle persone e lo spirito di iniziativa dei contadini dei Kolchoz. Rimase però molto deluso quando lo stato di polizia di Stalin attaccò la genetica forzando la diffusione di idee lamarkiane sull’evoluzione. Lo stato gli imponeva chi potesse lavorare nel suo laboratorio e lo riprese perché citava il lavoro di scienziati tedeschi o emigrati russi. Se ne andò nel 1937, e per quella data molti suoi studenti e colleghi erano scomparsi o erano stati spediti in Siberia.

Muller passò otto settimane in Spagna dove aiutò la Brigata Internazionale a sviluppare un sistema per ottenere sangue per trasfusioni da soldati morti da poco. Quindi andò a lavorare all’Università di Edinburgo dove continuò i suoi studi sui raggi X e altri agenti mutageni come gli UV e le mostarde gassose.

Per via della Seconda Guerra Mondiale Muller dovette lasciare la Scozia, era il 1940. Trovò un nuovo posto permanente all’Indiana University nel 1945. Un anno dopo, Muller vinse il Premio Nobel, per il suo lavoro sui raggi X che inducono mutazioni. Sfruttò l’evento per continuare la sua campagna per una maggiore informazione pubblica sui rischi delle radiazioni dei raggi X.

Durante la sua carriera, Muller percepiva che molti scienziati dovevano essere coinvolti nell’educazione del pubblico. Oltre alla sua campagna sugli effetti delle radiazioni, fu impegnato anche in una battaglia contro gli attacchi delle autorità scolastiche del Texas all’insegnamento della teoria evoluzionistica. Suggerì un suo approccio all’eugenetica, nonostante criticasse il movimento eugenetico americano perché razzista e classista, e appoggiò fortemente la riproduzione volontaria attraverso inseminazione artificiale per famiglie con dei problemi genetici.

 

 

 

 

 


Home Page                    La pagina delle citazioni                      Indice degli Autori di Minerva