Le Citazioni e gli Aforismi di Minerva

Gli Autori


Edmund Husserl


 

Edmund Husserl

La vita

Edmund Husserl nacque nel 1859 a Prossnitz, in Moravia, da famiglia ebrea, studiò matematica e fisica, prima presso l'università di Lipsia e poi, dal 1878, in quella di Berlino, dove seguì i corsi dei matematici Kronecker e Weierstrass, laureandosi con quest'ultimo nel 1833. Nel 1884 ritornò a Vienna, dove si avvicinò a Brentano e, nel 1887, sostenne l'esame per la libera docenza ad Halle. In questo stesso anno, dopo essersi convertito alla confessione evangelica, sposò Malvine Charlotte Steinscheider, anch'ella ebrea convertita. Nel 1891 pubblicò la sua prima opera Filosofia dell'aritmetica , poi nel 1900 e 1901 i due volumi di Ricerche logiche .

Nominato nel 1901 professore straordinario all'università di Gottinga, vi rimase fino al 1916, quando divenne professore a Friburgo. In questo periodo fondò la rivista che poi divenne l'organo del movimento fenomenologico, lo 'Jahrbuch für Philosophie und phanomenologische Forschung' (Annuario di filosofia e di ricerca fenomenologica), in cui compariranno anche scritti importanti dei suoi primi discepoli, quali Scheler e Heidegger, e pubblicò alcuni dei suoi scritti più significativi, quali Filosofia come scienza rigorosa (1911) e il primo tomo delle Idee per una fenomenologia pura e una filosofia fenomenologica (1913). Nel dopoguerra, la filosofia di Husserl cominciò ad essere conosciuta anche fuori dalla Germania: nel 1922 tenne una conferenza a Londra sulla fenomenologia e, nel 1929, altre conferenze alla Sorbona di Parigi, poi ripetute a Strasburgo, il cui testo fu trascritto in francese, sotto la guida di A. Koyré, da G. Pfeiffer ed E. Lévinas, comparendo nel 1931 con il titolo Meditazioni cartesiane .

Intanto, nel 1928, sulla cattedra di Friburgo gli era successo l'allievo Heidegger, mentre egli si dedicava alla composizione di altre opere, come Logica formale e trascendentale (1929) e una Postilla alle Idee , da apporre come premessa alla traduzione inglese di quest'opera, uscita nel 1931: in essa, egli prendeva posizione tra l'altro contro la filosofia dell'allievo Heidegger. Con l'avvento del nazismo nel 1933 arrivarono tempi duri per Husserl: fu radiato dall'università di Friburgo in quanto ebreo, proprio nel periodo in cui Heidegger ne era rettore; stessa sorte toccò al figlio, professore di Diritto, che nel 1936 emigrò negli USA.

In alcune conferenze, tenute a Vienna e a Praga nel 1935, Husserl rilanciò il programma fenomenologico come via di salvezza dai pericoli di disumanizzazione e irrazionalismo che incombevano sulla cultura europea: esse costituiscono l'abbozzo della sua ultima opera, incompiuta, che sarà pubblicata postuma col titolo La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale (1954) .

Nel 1938 Husserl morì a Friburgo; i suoi numerosi manoscritti, grazie a H. L. van Breda, poterono essere salvati dalla distruzione ed essere trasferiti all'università di Lovanio, dove costituiscono il fondo degli 'Archivi Husserl'. A partire dal 1950 ha preso avvio, sotto il titolo di 'Husserliana', la pubblicazione di questi inediti: tra essi vanno ricordati i volumi secondo e terzo delle Idee (1952) , Filosofia prima (1956) e Sulla fenomenologia della coscienza interna del tempo (1966) . Altri scritti sono stati pubblicati dal suo allievo L. Landgrebe ( Esperienza e giudizio del 1939) e da G. Brand ( Mondo, io e tempo del 1955).

Bibliografia

 * Über den Begriff der Zahl. Psychologische Analysen Heynemann’sche Buchdruckerei (F. Beyer), Halle a.d. Saale (1887)
* Philosophie der Arithmetik. Psychologische und logische Untersuchungen C.E.M. Pfefier (Robert Stricker), Halle-Saale (1891)
* "Der Folgerungscalcul und die Inhaltslogik" in Vierteljahrschrift für wissenschaftliche Philosophie 15 (1891)
* "Psychologische Studien zur elementaren Logik" in Philosophische Monatshefte 30 (1894)
* "Bericht über deutsche Schriften zur Logik as dem Jahre 1894" in Archiv für systematische Philosophie 3 (1897)
* Logische Untersuchungen. Erster Teil: Prolegomena zur reinen Logik Max Niemeyer, Halle a. d. S. (1900)
* Logische Untersuchungen. Zweiter Teil: Untersuchungen zur Phänomenologie und Theorie der Erkenntnis (1901)
* "Philosophie als strenge Wissenschaft" in Logos, I (1911)
* "Ideen zu einer reinen Phänomenologie und phänomenologischen Philosophie. Erstes Buch: Allgemeine Einführung in die reine Phänomenologie" in Jahrbuch für Philosophie und phänomenologische Forschung Max Niemeyer, Halle a. d. S. (1913)
* "Erinnerungen an Franz Brentano" in Franz Brentano. Zur Kenntnis seines Lebens und seiner Lehre a cura di Oskar Kraus, Beck, München (1919)
* "Vorlesungen zur Phänomenologie des inneren Zeitbewusstseins" a cura di Martin Heidegger in Jahrbuch für Philosophie und phänomenologische Forschung (1928)
* "Formale und transzendentale Logik. Versuch einer Kritik der logischen Vernunft" in Jahrbuch für Philosophie und phänomenologische Forschung 10 (1929)
* "Nachwort zu meinen Ideen zu einer reinen Phänomenologie und phänomenologischen Philosophie" in Jahrbuch für Philosophie und phänomenologische Forschung 11 (1930)
* Mèditations cartèsiennes (1931)
* Die Krisis der europäischen Wissenschaften und die transzendentale Phänomenologie: Eine Einleitung in die phänomenologische Philosophie (1936)
* "Die Frage nach dem Ursprung der Geometrie als intentional-historisches Problem" in Revue internationale de philosophie 1 (1939)
 

 

 

 

 


Home Page                    La pagina delle citazioni                      Indice degli Autori di Minerva