Achille e la tartaruga

Francesca Turco*

 

L'argomento di questa rubrica è la navigazione in rete, nel dettaglio una rassegna degli strumenti di ricerca di informazioni. L'ennesima rubrica di consigli sulla navigazione in rete. Vero, ma con un taglio particolare e un'applicazione, naturalmente, didattica: la formazione permanente degli insegnanti effettuata autonomamente, per una proposta di autoformazione permanente in rete. Internet si dimostra particolarmente adatta a questo scopo, proprio perché, a meno di incappare in un corso di aggiornamento di chimica in rete (non ne ho trovati...), rende necessario "fare da se". Navigando si crea un itinerario altamente personalizzato, si può tranquillamente dire irripetibile, creandosi una sorta di percorso su misura. In secondo luogo l’utilizzo della rete, per sua architettura in rinnovamento costante e rapido, è particolarmente interessante e produttivo quando si vogliano approfondire avvenimenti molto recenti, e quindi intendere la formazione permanente per gli insegnanti nel senso di aggiornamento su un argomento già conosciuto ma in continuo sviluppo. Questo significa che saranno presentati con enfasi i mezzi di ricerca che consentono di trovare dati particolarmente recenti, ma va da sé che tutto quanto verrà segnalato può essere utilizzato per cercare qualsiasi cosa.

Per il momento tralascerò la questione, pure cruciale, della navigazione critica e quindi della valutazione della qualità del materiale trovato, riservandomi di riprenderla in seguito e limitandomi ad offrire una rassegna delle possibilità di reperire informazioni. L'ordine secondo cui verranno proposti i vari mezzi di ricerca è, orientativamente, dal più generico e ampio al più dettagliato e puntuale, il che, naturalmente, coincide piuttosto bene con la diffusione dell'uso stesso dei vari sistemi. Nella prima puntata vedremo quindi un sistema noto a tutti e adatto a quasi tutto: i motori di ricerca. Nella successiva strumenti più o meno strettamente imparentati con i motori (metamotori, directory, portali), nelle seguenti sistemi meno usuali.

Concludo questa breve introduzione con un’altrettanto breve spiegazione sulla scelta del titolo. Quello di Achille e la tartaruga è un “esperimento concettuale” caro alla chimica, per il richiamo, ricco di echi e suggestioni classiche, alla discontinuità della materia, presupposto epistemologico della disciplina. D’altra parte il cammino in rete è effettivamente infinito. Non chiarisco, nemmeno a me stessa, chi sia (fra il navigante e il calcolatore in rete) Achille e chi la tartaruga. Al gusto del lettore l’assegnazione delle parti.


 

INDICE DELLA RUBRICA

 

I motori di ricerca

I cataloghi o directories

Contatti via e-mail

L'ordine e la confusione. Un approfondimento sulle directories

Dialogo in Rete