Dialogo in rete

Francesca Turco

 

 

Questa puntata è dedicata ai forum e mi sembra doveroso iniziare con il chiarire che cosa intendo con questo termine: una bacheca elettronica pubblicata sul Web nella quale avvengono discussioni pubbliche, su un determinato argomento, tramite l'affissione di messaggi. Fra le varie definizioni che ho trovato in rete ho visto che spesso "forum" è dato come sinonimo di "newsgroup". I newsgroup sono nati come sistema per lo scambio di informazioni fra studiosi o gruppi professionali accomunati da un interesse specialistico e si sono in seguito estesi ad argomenti di qualsiasi tipo. La differenza in effetti non è di sostanza ma in una questione di software che si riflette però sulla visibilità del gruppo di discussione: per accedere ai newsgroup è necessario l'uso di un software di gestione della posta elettronica (Microsoft Outlook, Netscape Communicator) o di un programma apposito (il più celebre è probabilmente FreeAgent) mentre l'accesso ai forum avviene semplicemente tramite il browser di navigazione (Explorer o Netscape).

Accedendo ad un forum (si stima che ne esistano decine di migliaia, dedicati agli argomenti più disparati) ci si trova di fronte ad una serie di articoli caratterizzati da un 'oggetto' che ne chiarisce il contenuto, aprendone uno ci viene presentata una struttura ad albero: dalla lettera dell'utente che per primo ha proposto quell'argomento si dipartono tutte le risposte dirette, da queste quelle indirette e così via, anche per molti livelli successivi. In genere la visualizzazione dei messaggi è libera ma per poter intervenire è necessaria un'iscrizione; qualche volta la discussione è controllata da un moderatore per evitare la pubblicazione di materiale spiacevole. La convenienza di questa forma di contatto è l'essere basata su un dialogo orizzontale, fra pari generalmente tutti esperti dell'argomento in questione, il che offre spesso spunti stimolanti e quasi sempre risposte nette e proprie. Chiaramente è possibile anche solo limitarsi a fare una domanda ma questo tipo di utilizzo è malvisto dalla netiquette, il forum vuole essere un luogo di elevata interattività. Il dialogo naturalmente non è sincronico ma in genere i tempi di attesa fra un intervento e l'altro sono piuttosto brevi, i partecipanti al gruppo lo seguono attivamente, direi che entro 24 ore si otterranno una o più risposte ai propri quesiti o interventi.

Per cercare i forum si può usare uno qualsiasi dei sistemi di ricerca visti nelle precedenti puntate, se si sceglie un motore o una directory basterà digitare "forum chimica" per trovare le bacheche relative alla disciplina (in italiano). Qui segnalo quella che mi pare essere la più frequentata e quindi, per un vizioso meccanismo che avvia al monopolio, più degna di essere frequentata; nelle liste piccole accade spesso che un intervento rimanga senza risposta e che la bacheca sia quindi solo una collezione di rami morti. Cito ancora una volta Google che ha un apposito comando per la ricerca di gruppi che permette di consultare tutto l'immenso archivio di DejaNews puntualmente aggiornato. Dalla home page di Google si selezioni 'Gruppi', si possono effettuare poi varie scelte: c'è un elenco alfabetico generale e un elenco di gruppi in italiano ordinati come le directories per arrivare all'argomento di interesse con una serie di passaggi che restringono successivamente il campo. In alternativa è possibile fare una ricerca inserendo una stringa come si farebbe con un motore ed ottenendo l'elenco dei messaggi pubblicati in tutte le liste che contengono la combinazione di termini desiderata. Fra le varie opzioni della ricerca avanzata è presente anche la possibilità di limitare le risposte in base alla data.

Nella categoria del dialogo in rete rientrerebbe uno dei principali passatempi degli studenti: la chat line. Anche queste si basano su uno scambio di messaggi e in più presuppongono che tutti i partecipanti alla discussione siano on-line contemporaneamente, il dialogo è quindi molto fitto. Anche le chat sono tematiche ma gli argomenti sono solitamente molto più leggeri di "chimica"; argomento non sufficientemente appetitoso da far sì che si incontrino persone interessate. Qualche eroe ha provato in effetti a fondare una chat sull'argomento, ma ogni volta che ho provato ad entrarci l'ho trovata deserta.

 

Indice della rubrica