Un sistema periodico per immagini

Minerali e gemme dell'alluminio

 

Un magnifico campione di corindone, ossido di alluminio Al2O3. Il corindone può essere rosso (var. rubino), blu (var. zaffiro), arancio (var. padparadshah), bianco, giallo, bruno, grigio; sono possibili sfumature di viola, verde e rosa. 

 

Un rubino, varietà preziosa di corindone. Il nome deriva dal latino medievale rubinus che a sua volta deriva dal latino classico rubeus=rosso. In campo gemmologico è una delle quattro pietre principali, è facile inoltre trovare stupendi esemplari di questa gemma in gioielli di ogni epoca (anche se a volte veniva confuso con lo spinello rosso), scriveva il Tasso "Spira un dolce odore fra perle orientali e fra rubini".

 

Uno zaffiro. Il nome deriva dal latino sapphirus; è senz'altro una delle pietre più famose della storia ed 
ancora attualmente il suo nome indica una tonalità di blu (anche Dante ne fa uso nella 
Divina Commedia "Dolce color d'oriental zaffiro"). Ad inizio novecento in California 
furono trovati giacimenti di zaffiro, ma si sbagliarono, era benitoite, minerale che può 
vantare un colore simile allo zaffiro .

 

Un padparadsha. Il suo nome significa 'fiore di loto', ed è d'origine orientale, in quanto questa varietà fu rinvenuta inizialmente solo nel continente asiatico; al giorno d'oggi questa pietra ha relativamente poco mercato a causa della sua rarità (anche se alcune gemme padparadsha raggiungono prezzi molto 
elevati) e per il fatto di essere il fratello "povero" di rubino e zaffiro 

Le immagini delle tre gemme e le relative informazioni sono tratte dal sito: http://www.minerali.it/

     Cristalloterapia!   
Per gli usi quotidiani dell'alluminio prosegui

 

Per altre immagini sull'alluminio torna indietro

Torna al sistema periodico ... visibile

 

Un sistema periodico per immagini

Il sistema periodico è una sintesi straordinaria della chimica e delle conoscenze chimiche. Questa versione del sistema periodico è collegata al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale, e aggiunge ai dati sui singoli elementi che si trovano nel Dizionario una collezione di immagini che con lo sviluppo del progetto dimostrerà quanto ogni elemento chimico - anche il più trascurato nella didattica chimica - sia entrato nella cultura scientifica e nella pratica industriale del nostro tempo. Le immagini della collezione  provengono  dalle fonti più diverse e riguardano temi che vanno dallo stato naturale dell'elemento alle sue applicazioni, dalle rappresentazioni con il calcolatore di eventi ed esperimenti alle immagini tratte da comics, manifesti, inserzioni pubblicitarie, videogiochi. Se la chimica è la scienza centrale, se la chimica è la scienza  che più ha trasformato la società industriale, anche le immagini della chimica possono essere uno specchio della scienza e della società.

 

Con questo pulsante si può accedere alle voci pertinenti del Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Con questo pulsante vai alle pagine che contengono i dati chimico-fisici degli elementi

 

 

Colofon. Il 20 agosto 2003 è stata terminata la prima stesura del sistema periodico per immagini. Il contenuto attuale è di oltre 500 immagini. Di quasi tutti gli elementi sono presentate immagini dello stato elementare e dei minerali più interessanti. Per quanto riguarda i minerali la Redazione di Minerva è stata guidata da un criterio estetico, piuttosto che da una ricerca mirata a presentare i minerali più importanti; forse questo aspetto sarà curato in un secondo tempo. Un certo numero di immagini rappresentano strutture dello stato solido di elementi e composti. Per lo stato solido e le superfici si sono privilegiate le immagini ottenute con i microscopi elettronici (microscopio a scansione, microscopio a scansione ad effetto tunnel), ma non mancano quelle ricavate con microscopi ottici (qui, in generale in luce polarizzata). Negli articoli scientifici e in quelli di divulgazione le misure fisiche e chimico-fisiche sono ormai interpretate e presentate con immagini di grande interesse, e in qualche caso di straordinaria bellezza, sono quindi presenti anche immagini che riguardano gli elementi della tabella periodica più dal punto di vista fisico che da quello chimico. Va ricordato tuttavia che in molti laboratori ricercatori chimici e fisici lavorano fianco a fianco, e lo stesso si può dire per quanto riguarda molte pratiche della medicina contemporanea, sia in diagnostica, sia in terapia, sia ancora nella ricerca fondamentale. Se si tiene conto di chimica, fisica e scienze bio-mediche si può dire che non vi sia elemento del sistema periodico che non abbia applicazioni importanti, che rendono indispensabile una conoscenza approfondita delle sue proprietà. Per quanto riguarda le proprietà degli elementi è in allestimento una tabella periodica delle proprietà chimiche e fisiche, complementare alla tabella periodica per immagini. A partire dalla tabella periodica delle proprietà chimiche e fisiche e da ogni pagina del sistema periodico per immagini si possono ottenere rapidamente informazioni per ogni elemento del sistema periodico, comprese le proprietà di reattività chimica che sono spesso assenti più di una tabella periodica della Rete. Le indicazioni di reattività chimica sono limitate alle reazioni con l’ossigeno dell’aria, l’acqua, l’acido cloridrico e l’acido nitrico. Le immagini dedicate alle applicazioni pratiche degli elementi del sistema periodico sono numerose, ma non quanto richiederebbe la loro estensione. Per molti elementi sono offerte al visitatore di Minerva delle immagini curiose di vario tipo. Per gli elementi chimici della tavola periodica si trovano curiosità nella letteratura, nei fumetti, nei cartoni animati, nei videogiochi: in tutti questi casi si tratta di una penetrazione di rudimenti del linguaggio nella cultura generale.