Torna all'indice delle Notizie 

Torna all'indice de La Chimica e l'Industria

 

La temperatura al centro della Terra

I dati sulle caratteristiche della parte più interna della Terra sono
ancora incerti, pur essendo fondamentali per fare ipotesi sull’evoluzione
del nostro pianeta e prevedere il campo magnetico.
Il centro della Terra, costituito in grande prevalenza da ferro, è
formato da un nucleo solido di circa 1.200 km, circondato da
uno strato liquido, che si estende per 2.000 km. La regione di
contatto tra i due strati è per definizione la temperatura di
fusione del ferro alla pressione a cui si trova. La difficoltà è di
conoscere questa pressione e fino a pochi anni fa la temperatura
calcolata del punto di fusione era molto incerta, tra 4.000 e 8.000 °C.
Migliorando i calcoli, più recentemente si è ottenuto 6.000 °C, assumendo
che il nucleo sia composto di ferro puro. Ma così non è, perché
sono presenti anche silicio, zolfo e ossigeno, con lo zolfo e il silicio
sia nel solido che nel liquido, e l’ossigeno solo nel liquido.
Tenendo conto di ciò la temperatura del nucleo diventa di 5.800 °C,.

M.D. Price et al., Le Scienze, 2005, 15.

 

 

Diretta dal prof. Ferruccio Trifirò, La Chimica e l'Industria offre al lettore numerose rubriche di grande interesse. Riprendiamo in questa sezione di Minerva le notizie scelte dal prof. Lamberto Malatesta, e pubblicate nella rubrica "Flash dalle Riviste".

 

 

Il sito contiene oltre 1000 pagine. Usate il motore di ricerca!

 

Dizionario di Chimica e di Chimica Industriale

Per agevolare la lettura degli articoli è disponibile un Dizionario di Chimica e di Chimica Industriale