l’Associazione

 impegnata a curare la trasposizione della Direttiva nell’ordinamento italiano . Per tutto il 2003, Aisa e le sue aziende associate sono state impegnate in un progetto di grande importanza: la revisione dei dossier di registra - zione dei farmaci veterinari registrati o immessi in commercio prima del 1 gennaio 2000 . In que - st’ottica, Aisa si è fatta parte diligente nel ricer - care e promuovere una posizione associativa quale controparte alle richieste ministeriali, salvaguar - dando, con successo, gli interessi delle aziende associate in una ottica di mantenimento di tutti i prodotti coinvolti . Aisa ha curato la presentazione alle Autorità com - petenti italiane delle Linee Guida realizzate da Fefana sul nuovo Regolamento Additivi (Regola - mento 1831/2003) . In particolar modo, è stata svolta una forte azione nei confronti del Mini - stero della Salute con l’obiettivo di agevolare un’interpretazione nazionale del Regolamento in linea con quella adottata dagli altri Stati della UE . Sul versante dei Microrganismi Geneticamente Modificati (GMM), l’Associazione ha rappresen - tato, nelle sedi competenti, la difficoltà del Com - parto a considerare i GMM utilizzati in micro - nutrizione per la sintesi di taluni additivi come Organismi Geneticamente Modificati tout court . In stretta collaborazione con Fefana, l’Associa - zione ha incontrato esponenti del Ministero della Salute, delle Risorse Agricole, nonché della Rap - presentanza Permanente dell’Italia alla UE, assi - curandosi che le posizioni dell’Industria fossero note e condivise . In attesa di una decisione da parte di Bruxelles, prosegue l’azione di sensibi - lizzazione di Aisa . È entrato pienamente a regime l’accordo di col - laborazione con lo Studio Legale G & G Consulting Services . Sul piano del servizio agli associati, Aisa può ora contare, in merito a materie particolar - mente delicate che necessitano di un’istruttoria di carattere professionale, su di una sponda affi - dabile e documentata . Inoltre, anche gli interessi delle aziende associate godono ora di una prote - zione aggiuntiva, poiché la G & G è disponibile a fornire ai Soci pareri e assistenza legale a fronte di tariffe favorevoli . G & G organizza inoltre perio - dici incontri di aggiornamento su temi di asso - luto interesse associativo (ad esempio, la pre - sentazione in Aisa del D . Lgs 231/2002 sui ritardi di pagamento) . Oltre alla consueta attività di aggiornamento per - seguita attraverso un programma di riunioni isti - tuzionali (“Assemblee di settore”), sono stati isti - tuiti Gruppi di Lavoro ad hoc allo scopo di iden - tificare posizioni associative in merito a temati - che specifiche . In questo modo, è stato possibile approfondire temi di grande interesse e realizzare posizioni condivise da tutti gli Associati da far valere presso gli abituali referenti . Durante il 2003, Aisa ha iniziato a lavorare su temi legati al marketing e alla informazione scien - tifica, come espressamente richiesto delle aziende associate . L’attività di comunicazione di Aisa è continuata tramite la newsletter Aisainforma, la cui diffu - sione è stata allargata anche ai rappresentanti di comparti contigui a quelli di attività dell’Asso - ciazione (Filiera), e tramite il sito Internet (http://aisa . federchimica . it) . Lo sforzo che l’Asso - ciazione ha compiuto durante il 2003 è testimo - niato dal notevole numero di articoli e interviste apparsi principalmente, ma non solo, nella stampa di settore . Nel 2003, Aisa ha collaborato al successo dell’i - niziativa “Salone della Salute Animale”, promossa dall’Ente Fiera di Cremona . In particolare, Aisa ha organizzato un convegno dal titolo “I Prodotti di origine animale: domande e certezze sulla sicu - rezza alimentare” al quale hanno aderito le prin - cipali Associazioni di categoria del nostro com - parto: AIA (Allevatori), FNOVI (Veterinari), ASSAL - ZOO (Mangimisti), COOPITALIA (GDO) . La vera novità dell’edizione 2003, rispetto alle precedenti, è stata rappresentata dalla presenza di ALTRO - CONSUMO, segno tangibile della crescita cultu - rale dell’iniziativa giunta alla sua terza edizione . La Presidenza dell’Italia all’Unione Europea ha rap - presentato un momento importante delle relazioni internazionali dell’Associazione: il 25 novembre infatti Aisa ha organizzato, in collaborazione con la Federazione Internazionale dei produttori di far - maci veterinari (IFAH), un Info - Day con le Istitu - zioni comunitarie, riunite a Roma . La stessa sera quasi 200 ospiti hanno animato una speciale edi - zione della “Serata della Salute Animale”, tradi - zionale appuntamento conviviale di incontro con le Istituzioni e con i partner della filiera . Nel 2003 Aisa ha deciso di siglare un accordo triennale con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza per uno studio dei residui di farmaci veterinari nelle derrate alimentari di origine ani - 102 La chimica e i suoi settori Seconda Parte

              

< Precedente | Indice del Rapporto | Seguente >

Minerva    La Chimica e l'Industria  Motore di ricerca interno