Prodotti

 sensibili Il Gruppo rappresenta le principali imprese inter - nazionali operanti nel campo dell’elaborazione analogica e digitale dell’immagine, nei settori delle stampa, della diagnostica medicale e della foto - grafia amatoriale e professionale . Si conferma nel comparto medicale il minor uti - lizzo delle pellicole e la progressiva conversione alle tecnologie digitali . Analogo declino dei film nel comparto della stampa, per l’affermarsi della nuova tecnologia “computer to plate” . In assoluta controtendenza invece, la macchina fotografica monouso, l’unico prodotto analogico che conti - nua a registrare forti tassi di aumento dei volumi (nel 2003 +18%) . Nel 2004, si prevede ancora la crescita del fatturato nei segmenti dei sistemi di archiviazione delle immagini e dei servizi pro - fessionali e di assistenza tecnica . Nell’ambito delle attività associative, oltre a quelle ormai “istituzionali” che si svolgono ogni anno, come ad esempio gli incontri con le scuole organizzati dal Settore grafico, nel 2003 la novità di maggior rilievo è stato l’Accordo tran - sattivo con la Regione Lazio che consentirà entro la fine di luglio di ottenere la liquidazione di tutti i crediti vantati nei confronti delle Asl del Lazio, relativi a fatture emesse fino al 31 dicem - bre 2003, a fronte di costi contenuti . L’inizia - tiva, che ha interessato un vastissimo numero di imprese fornitrici della sanità pubblica, è stata accolta con grande favore, considerato che il decreto legislativo 231/2002 sui ritardati paga - menti, che ha introdotto interessi particolar - mente gravosi, non ha finora migliorato la situa - zione, anche per la generale posizione di “attesa” assunta dai fornitori . Altra novità nel settore medicale è stata la costi - tuzione della Cud, la Commissione Unica Dispo - sitivi medici prevista dalla Legge Finanziaria 2003 . Obiettivo del nuovo organo tecnico del Ministero della Salute dovrebbe essere la creazione del primo Repertorio Nazionale dei dispositivi medici a uso ospedaliero presenti sul mercato che dovrebbe contenere una serie di informazioni utili allo svol - gimento della funzione di vigilanza e sicurezza del Ministero della Salute . Si tratta di classificare un’enorme quantità di strumenti, sostanze e acces - sori, dalle apparecchiature radiologiche, ai dispo - sitivi oftalmici, a quelli dentistici e così via, carat - terizzati da un elevato grado di innovazione che comporterà un aggiornamento almeno semestrale del Repertorio . Altre attività meritevoli di menzione sono quelle in campo ambientale e in particolare: “Obiettivo ambiente”, ovvero la raccolta delle macchine foto - grafiche monouso di cui abbiamo trattato su que - ste stesse pagine nelle precedenti edizioni, e la creazione di un sistema di recupero dei conteni - tori di liquidi fotografici nell’ambito dell’Accordo Federchimica/Corepla (Consorzio di riciclaggio della plastica), ancora in fase di studio . Per comprendere il valore di “Obiettivo ambiente” è d’obbligo un riferimento legislativo: nei pros - simi mesi, sarà attuata in Italia la Direttiva euro - pea sul recupero delle apparecchiature elettriche ed elettroniche che comprende anche le stesse macchine fotografiche monouso (definite dalla Direttiva “apparecchiature di consumo”) . A breve tutti i fabbricanti e i distributori saranno tenuti a istituire sistemi di recupero di una vastissima gamma di beni, destinati al consumo o a uso pro - fessionale: elettrodomestici, lampade, giocattoli, dispositivi medici, apparecchi radio, televisivi, video registratori, macchine fotografiche, telefoni cellulari, ecc . Il Settore fotografico, con la realizzazione cinque anni fa del sistema “Obiettivo Ambiente”, ha quindi dimostrato una particolare sensibilità verso la stra - tegia europea di gestione dei rifiuti e ha di fatto precorso i tempi, anticipando ciò che le Istituzioni europee impongono oggi a tutto il mercato delle apparecchiature elettriche ed elettroniche . Farmaci di automedicazione I farmaci di automedicazione sono specialità medi - cinali senza obbligo di prescrizione medica, ven - dute esclusivamente in farmacia e per le quali è ammessa la pubblicità al pubblico . Il 2003 ha fatto registrare circa 238,6 milioni di confezioni vendute e un fatturato pari a 1510 miliardi di euro e ha visto il settore dell’autome - dicazione in leggera ripresa dopo anni di contra - zione del mercato . Sul totale del mercato farma - ceutico, il settore rappresenta oggi l’8 . 3% in valore, e il 15 . 3% in unità . Le cifre riportate non com - prendono la quota dei farmaci senza obbligo di prescrizione, ma privi dell’accesso a qualsiasi forma di pubblicità al pubblico, che rappresen - tano, in valore, una quota del 2 . 9% e, in volumi, una quota del 4 . 9% . Considerato che i valori rife - 99

              

< Precedente | Indice del Rapporto | Seguente >

Minerva    La Chimica e l'Industria  Motore di ricerca interno