Supplementi al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Dossier Sostanze Psicoattive

Le principali sostanze psicoattive: Bufotenina, 5-MeO-Dimetiltriptammina (5-MeO-DMT)

Indice del Dossier sulla sostanze psicoattive

Home Page                                             Indice del Dizionario di Chimica e Chimica Industriale


Alberto Spaggiari, Sostanze psicoattive. Origine, formula chimica, effetti, uso e utilità farmacologica di sostanze naturali, semisintetiche e sintetiche


Bufotenina, 5-MeO-Dimetiltriptammina (5-MeO-DMT)

 

Origine: Alcuni rospi (Bufo alvarius, B. marinus)

Modalità di assunzione: Vengono fumate, attraverso la vaporizzazione, cioè, del contenuto delle ghiandole dei rospi che le contengono. I rospi vengono "spremuti" su di una superficie liscia e pulita, ottenendo così un liquido chiaro che imbrunisce velocemente all'aria solidificandosi e dando origine ad una sorta di "panetto" che poi viene sminuzzato e quindi fumato.

Formula chimica e struttura:

                 

Bufotenina                                                            5-MeO-DMT

Effetti: Sono entrambe inattive per via orale e vengono assunte mediante inalazione in seguito a veloce vaporizzazione. Gli effetti sono rapidi e di breve durata e sono caratterizzati da una repentina eccitazione psichica. Grazie al gruppo metossilico, la 5-MeO-DMT oltrepassa più facilmente della bufotenina la barriera ematoencefalica, raggiungendo il cervello più in fretta e risultando, quindi, più potente. Paradossalmente non è considerata una sostanza sotto controllo legale, a differenza di altre sostanze ad essa simili e meno attive.

Effetti positivi: Nessuno.

Utilità farmacologica: Attualmente nessuna

 

Immagini e approfondimenti:

 

 


Argomenti correlati: Dossier Cocaina


Il sito Minerva in cui vi trovate contiene migliaia di pagine. Usate il motore di ricerca interno! Usa il motore di ricerca!