Supplementi al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Schede sull'industria alimentare: Nestlé

Scheda 4 di 4 sulle attività produttive della Nestlé

Ritorna a rubrica del Dizionario

Vai all'indice del Dossier sugli additivi alimentari

 

Nestlé

Additivi non chimici

 

La vendita diretta al pubblico di qualsiasi merce è strettamente legata alla sua presentazione fisica. Ogni aspetto visivo, tattile, culturale, metaforico dell'oggetto che si vuole vendere è studiato con attenzione da parte delle strutture di promozione commerciale delle imprese. Una importante agenzia che progetta anche nei dettagli tecnologici la presentazione fisica dei prodotti alimentari è la CGP Impresa di Comunicazione, una società di Parma. Il suo sito è interessantissimo perché suggerisce o addirittura materializza un rapporto intimo fra sociologia della percezione, estetica delle gerarchie sociali e tecniche di produzione. La 'materializzazione' in realtà avviene altre, a due livelli,  in profitti per la CGP adeguati al successo commerciale delle sue soluzioni, e nel concreto porsi nei supermercati delle merci 'rivestite' secondo le idee della CGP. Nestlé è un cliente importante della CGP.

 

Questa immagine sintetizza il lavoro della CGP in riferimento ad una linea di prodotti della Gelati Motta (Liquì, Halloween, Banana Kid, Sprint). Come si vede, si passa da una assonometria, ad una rappresentazione più realistica, corredata di sfumature, ad una immagine per la comunicazione diretta con il consumatore.

Testo dal sito CGP:

Problema:
Creare originali ed attraenti design di gelato, nel pieno rispetto dei vincoli della tecnologia produttiva. 

Soluzione CGP:
In stretto rapporto di collaborazione con Marketing, Engineering e Assicurazione Qualità, CGP ha creato il design di una ricca gamma di nuovi gelati e ghiaccioli.
Giocando con forme e colori, e sempre nel pieno rispetto dei vincoli produttivi, sono stati creati stecchi dinamici e fantasiosi, biscotti con divertenti disegni, originali e simpatici personaggi, tutti in sintonia con i diversi target di riferimento e le emozioni associate al mondo del gelato.


Commento. Non sfugga la ricerca di "sintonia" fra le diverse fasce di consumatori e "le emozioni associate al mondo del gelato". La pretesa di una 'sintonia' pone qualche problema etico, ad esempio la pretesa di una valutazione autonoma da parte del cittadino (consumatore), mentre il forte impoverimento semantico del termine 'emozioni' rientra perfettamente nell'attuale pratica linguistica pubblica dei pubblicitari. 

Ecco un esempio della pratica linguistica professionale di chi scrive per la CGP:

Prodotto leader dell’offerta Nestlé Gelati Motta, Maxicono è da sempre caratterizzato da un’immagine giovane, dinamica e sportiva. Il brief ci ha chiamati a rivitalizzare il look del packaging, rimasto immutato per alcuni anni, per ristabilire i valori del brand in chiave up-to-date e rafforzare l’appeal per il target di riferimento.

Dopo aver letto questo passo i redattori di Minerva si sono messi a ridere. Poi, dopo averlo confrontato con quello dei dirigenti dell'Unilever Italia, hanno capito che l'italiano è una lingua condannata, essendo ormai inadeguata ad esprimere il pensiero strategico dei consigli di amministrazione e quello tattico delle agenzie di pubblicità.


Documentazione sulla Nestlé:

La Nestlé nel mondo

Auto-presentazione: Storia della Nestlé in Italia

Nestlé: un ritratto non convenzionale


< Precedente | Scheda Industrie alimentari


Il sito Minerva in cui vi trovate contiene migliaia di pagine. Usate il motore di ricerca interno! Usa il motore di ricerca!