Supplementi al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Additivi alimentari: Aspartame

Schede E951 Aspartame. Scheda 3 di 8

Indice del Dossier sugli additivi alimentari

Ritorna alla home pageRitorna a rubrica del Dizionario

Aspartame, dolcificante E951: la commercializzazione

 

La scoperta dell'aspartame avvenne nel 1965, presso i laboratori della Searle, un'impresa farmaceutica statunitense. In seguito a vicende politiche piuttosto oscure la Food and Drug Administration permise l'uso alimentare dell'aspartame.  Venti anni dopo, il gigante chimico Monsanto acquistò la Searle, e con essa la NutraSweet che commercializzava l'aspartame con i marchi Equal e NutraSweet.  La Nutrasweet (l'impresa) fu a sua volta ceduta nel 2000 alla J.W. Childs Associates, una società finanziaria.

Le cronache della commercializzazione dell'aspartame coinvolgerebbero una parte notevole della storia dell'alimentazione negli Stati Uniti e in Europa, compresi i disturbi alimentari ormai endemici nei Paesi 'opulenti'. Riportiamo qui soltanto qualche immagine significativa, e qualche dato.

I marchi principali con cui è commercializzato l'aspartame sono:

 

 Equal e Equal Spoonful

 

 

 NutraSweet, con relativo logo

 

La commercializzazione in Italia di Canderel

Le immagini qui sotto presentano la Canderel Love Therapy Collection disegnata da Elio Fiorucci. la 'collezione' è presentata con queste parole: "piccoli oggetti allegri e inusuali, per portare sempre con sé, con divertimento, libertà, allegria e gusto del nuovo, una scorta di dolcezza light".

Si può fare il confronto con le immagini di altri artisti.

 

Forti preoccupazioni sull'impiego dell'aspartame hanno origine anche dall'enorme uso fatto da giovani e meno giovani di bevande cosiddette light, cioè prive di zucchero:

 

 

La lattina di sinistra di DietCola risale al 1992 (è venduta in rete per i collezionisti). Nelle lattine di sinistra, di DietPepsi la 'dose' è aumentata del 33%.

 

La NutraSweet dichiara con orgoglio che il suo dolcificante è venduto in più di 100 Paesi, ed è usato in più di 5.000 prodotti.

Purtroppo far questi prodotti ve ne sono alcuni in cui - comunque - non dovrebbe essere presente:

 

I produttori di questi biscotti all'aspartame sembrano ignorare che questo composto non è stabile alla temperatura di cottura



Ulteriori materiali riferiti all'aspartame:

Scheda chimica dell'aspartame ed effetti a breve termine

Metabolismo dell'aspartame

La commercializzazione dell'aspartame

Scoperta e aspetti politici dell'uso alimentare dell'aspartame

L'aspartame nella sensibilità degli artisti

Comunicato stampa dell'Istituto Ramazzini

Aspartame e coca-cola

Un sostituto naturale dell'aspartame: la Stevia Rebaudiana

 

Si possono consultare le schede sulla Coca-Cola come multinazionale


< Precedente | Schede E951 | Seguente >


Il sito Minerva in cui vi trovate contiene migliaia di pagine. Usate il motore di ricerca interno! Usa il motore di ricerca!


Consigli di lettura

Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Storia della chimica

Chimica, multinazionali alimentazione

Premi Nobel per la Chimica

Chimica e Immagini Sistema Periodico

Chimica, Epistemologia, Etica La chimica di Primo Levi

Chimica e Humor