Supplementi al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Additivi alimentari: Aspartame

Schede E951 Aspartame. Scheda 2 di 8

Indice del Dossier sugli additivi alimentari

Ritorna alla home pageRitorna a rubrica del Dizionario

Aspartame, dolcificante E951: il metabolismo

 

RAPPORT de l’Agence française de Sécurité Sanitaire des Aliments sur la question
d’un éventuel lien entre exposition à l’aspartame et tumeurs du cerveau

Il Rapporto dei ricercatori francesi presenta la seguente formula, che chiarisce quali siano i componenti dell'aspartame:

 

 

Si tratta dell'estere metilico di un dipeptide, derivato da tre componenti distinti: acido aspartico, fenilanina e alcool metilico (o metanolo).

Il Rapporto sottolinea che l'aspartame è abbastanza stabile in ambiente secco, ma in ambiente umido degrada rapidamente a dichetopiperazina, il che lo rende inutilizzabile nei processi cottura. Questa affermazione è importante, perché l'aspartame è presente in prodotti da forno.

Nel metabolismo umano l'aspartame si può convertire in un derivato della dichetopiperazina, ma in massima parte si scinde nel tratto gastro-intestinale in metanolo, acido aspartico e fenilalanina., secondo il seguente schema:

 

Il destino metabolico dei tre composti è diverso:

"L'acido aspartico è eliminato principalmente per via polmonare sotto forma di CO2;gran parte della fenilalanina entra a far parte del processo di sintesi delle proteine, il resto è escreto come CO2. L'alcool metilico, che corrisponde in peso a circa il 10% dell'aspartame è metabolizzato in formaldeide, acido formico e CO2. Un litro di bevanda senza zucchero contenente aspartame produce nell'organismo umano circa 48 mg di metanolo, mentre un litro di succo di frutta o di verdure contiene da 200 a 280 mg di metanolo. Questo indica che le quantità di metanolo apportate dall'aspartame come additivo alimentare sono inferiori a quelle apportate da certi alimenti naturali.
    Nell'uomo è richiesta l'ingestione di metanolo in dosi di 200-500 mg di peso corporeo perché si induca una accumulazione di formiati nel sangue con effetti tossici sulla visione e sul sistema nervoso centrale: queste dosi sono più di cento volte superiori alla dose massima di metanolo apportato dall'aspartame". 

A questo punto i ricercatori francesi scrivono: "Questi dati rendono relativa l'importanza (relativisent) degli effetti tossici potenziali dei metaboliti del metanolo (formaldeide e acido formico) in seguito ad esposizione ad aspartame". Il termine relativisent non tranquillizza affatto.

Ulteriori materiali riferiti all'aspartame:

Scheda chimica dell'aspartame ed effetti a breve termine

Metabolismo dell'aspartame

La commercializzazione dell'aspartame

Scoperta e aspetti politici dell'uso alimentare dell'aspartame

L'aspartame nella sensibilità degli artisti

Comunicato stampa dell'Istituto Ramazzini

Aspartame e coca-cola

Un sostituto naturale dell'aspartame: la Stevia Rebaudiana

 

Si possono consultare le schede sulla Coca-Cola come multinazionale


< Precedente | Schede E951 | Seguente >


Il sito Minerva in cui vi trovate contiene migliaia di pagine. Usate il motore di ricerca interno! Usa il motore di ricerca!


Consigli di lettura

Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Storia della chimica

Chimica, multinazionali alimentazione

Premi Nobel per la Chimica

Chimica e Immagini Sistema Periodico

Chimica, Epistemologia, Etica La chimica di Primo Levi

Chimica e Humor