Supplementi al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Additivi alimentari & Aromi

Pagina 7 di 11 della sezione sugli aromi

Aromi: i prodotti dell'industria

Ritorna alla home pageRitorna a rubrica del Dizionario

Indice del Dossier sugli additivi alimentari

Giotti S.p.A

Aromi per BEVANDE - ANALCOLICI E LIQUORI

Per le esigenze di tale mercato sono state sviluppate due tipologie di aromi: 

Aromi solubili - nelle varie tonalità e sfumature di gusto 

Aromi in emulsione - quando è necessario, oltre alla connotazione aromatica, conferire alla bevanda finita una omogenea e stabile torbidità.

La richiesta dell'industria delle bevande - sia di quelle alcoliche che di quelle analcoliche è generalmente orientata verso due ordini di gusti:

a) Gusto Frutta, per bevande spesso supportate e caratterizzate dal relativo succo di frutta. A tal proposito , la Giotti SpA, in joint-venture con alcune importanti industrie di trasformazione, è in grado di proporre al mercato una gamma completa di succhi concentrati limpidi e torbidi, agrumari, di frutta rossa e bacche di bosco, riferiti alla tradizionale frutta italiana ( pesca, albicocca ) ed esotica.

Tutti gli aromi Giotti sono stati sviluppati e testati da soli, in bevande senza succo o a complemento e a definizione di gusto in bevande a base succo.

Per tutte le bevande al gusto di frutta o contenenti succo di frutta, particolare interesse rivestono gli aromi in emulsione, per la loro capacità di conferire una omogenea e stabile torbidezza alla bevanda finita.

b) Da estratti di erbe: in aggiunta ai tradizionali metodi di produzione (percolazione), la Giotti SpA ha sviluppato moderne    
tecnologie atte a consentire elevate capacità produttive sia di estratti naturali che concentrati.


ENRICO GIOTTI Sp.A. 

Enrico Giotti SpA ha mosso i primi passi non come attività industriale, bensì quale progetto di 
un giovane artigiano, Enrico Giotti, il quale, nel 1928 gestiva un bar in via Ghibellina, 
nel cuore di Firenze, e che per hobby e per passione nel retrobottega preparava olii essenziali 
ed aromatizzanti destinati alla produzione di bevande analcoliche e liquori. 
Nel 1933 egli si trasferì ed aprì un laboratorio specificamente destinato alla produzione di aromi per bevande. 

Nel 1951 traslocò in locali più grandi, in via Rosolino Pilo, dove aprì il suo 
primo stabilimento e potè così operare a livello industriale non 
soltanto nel settore degli aromi per bevande analcoliche ma anche 
allestendo una completa gamma di aromi non salati per l'industria 
dolciaria. 

Nel 1969 è stata avviata la costruzione di un moderno stabilimento a Badia a Settimo, 
nei dintorni di Firenze, che fu pronto per la produzione nel 1971.


< Precedente | Pagina 7 di 11 della sezione sugli aromi | Seguente >

Torna all'indice del Dossier sugli additivi alimentari


Il sito Minerva in cui vi trovate contiene migliaia di pagine. Usate il motore di ricerca interno! Usa il motore di ricerca!


Consigli di lettura

Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Storia della chimica

Chimica, multinazionali alimentazione

Premi Nobel per la Chimica

Chimica e Immagini Sistema Periodico

Chimica, Epistemologia, Etica La chimica di Primo Levi

Chimica e Humor