Supplementi al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Additivi alimentari & Aromi: le 2800 sostanze aromatiche

Pagina 2 di 11 della sezione sugli aromi

Le 2800 sostanze aromatiche ammesse nei cibi europei

Ritorna alla home pageRitorna a rubrica del Dizionario

Indice del Dossier sugli additivi alimentari

 

DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 23 febbraio 1999
che adotta il repertorio delle sostanze aromatizzanti utilizzate nei o sui prodotti alimentari
compilato in applicazione del regolamento (CE) n. 2232/96 del Parlamento europeo e del
Consiglio

 

L’elenco principale e suddiviso in tre parti distinte. Tale suddivisione si e rivelata necessaria dal momento
che nessun sistema di classificazione delle sostanze chimiche attualmente in vigore e in grado di includere
tutti i prodotti notificati dagli Stati membri. Nella quarta parte del repertorio figurano tutte quelle sostanze
che, su richiesta di uno Stato membro, dovrebbero essere trattate con riservatezza per tutelare i diritti di
proprietà intellettuale del fabbricante.

PARTE 1

Trattasi della parte principale nella quale le sostanze chimiche sono classificate in base al numero CAS (Chemical Abstracts Number), semprechè esso sia stato attribuito o reso disponibile.

PARTE 2

In assenza di un numero CAS (Chemical Abstracts Number), in questa seconda parte per ciascuna sostanza è indicato il codice del sistema CoE ( Consiglio d'Europa ).

PARTE 3

Le poche sostanze cui non e stato attribuito nessuno dei due suddetti tipi di codice sono state inserite in
questa parte. In origine sono state elencate in ordine alfabetico secondo la loro denominazione comune in
lingua inglese. Al solo scopo di evitare incoerenze a seguito della traduzione, a tali sostanze e stato attribuito
un apposito numero specifico.

PARTE 4

In questa parte sono elencate alcune sostanze notificate da uno o più Stati membri in applicazione
dell’articolo 3, paragrafo 2, ultimo trattino, che stabilisce che tali sostanze sono descritte in modo tale da
tutelare i diritti di proprietà intellettuale dei rispettivi fabbricanti. In altre parole, per tali sostanze
aromatizzanti e stato chiesto un trattamento riservato e pertanto esse sono indicate in forma codificata. In
una comunicazione ( ... ) e una raccomandazione ( ... ) la Commissione ha specificato una serie di orientamenti
pratici per l’applicazione di tali disposizioni. Occorre rilevare che solo alcune persone debitamente
autorizzate possono avere accesso ad informazioni rilevanti su tali sostanze e che l’obbligo di trattare tali
dati con riservatezza decade cinque anni dopo la data di ricevimento della relativa notifica. Questo
trattamento riservato non pregiudica in alcun modo l’applicazione di vincoli giuridici alle sostanze
aromatizzanti in oggetto. Si sottolinea infine che e fatto comunque obbligo di immettere in commercio
esclusivamente sostanze che non comportino un pericolo per la salute pubblica e che siano conformi alle
prescrizioni in materia di valutazione obbligatoria della loro innocuità.


Si consulti  il testo completo in formato .pdf del repertorio delle 2700 sostanze aromatizzanti approvate dall'Unione Europea 


< Precedente | Pagina 2 di 11 della sezione sugli aromi | Seguente >

Torna all'indice del Dossier sugli additivi alimentari


Il sito Minerva in cui vi trovate contiene migliaia di pagine. Usate il motore di ricerca interno! Usa il motore di ricerca!


Consigli di lettura

Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Storia della chimica

Chimica, multinazionali alimentazione

Premi Nobel per la Chimica

Chimica e Immagini Sistema Periodico

Chimica, Epistemologia, Etica La chimica di Primo Levi

Chimica e Humor