Il contributo di Margaret Sanger, Katherine McCormick e Gregory Pincus

Pagina 2 di 10

Ritorna a rubrica minibiografie

 

Una data particolarmente significativa per la storia della pillola è il 1916, anno in cui l’avvocato e attivista sociale americana, Margaret Sanger, aprì a Brooklyn il primo consultorio operativo per il controllo delle nascite in America sfidando apertamente la legislazione, risalente al 3 marzo del 1873, che impediva le pratiche contraccettive. La legge era stata approvata dal Congresso e successivamente conosciuta con il nome di Comstock Act, dal nome di colui che l’aveva proposta.

MargaretSanger.png (63456 byte)

Margaret Sanger

Il prestigio della Sanger aumentò notevolmente e le permise di organizzare la prima Conferenza Mondiale sulla Popolazione a Ginevra nel 1927.

Un brillante biologo d’origine russa, Gregory Pincus, nel 1934, poco più che trentenne, realizzò la fertilizzazione in vitro dei conigli. Tuttavia questa ricerca, anziché regalargli prestigio, lo portò ad essere soprannominato dalla stampa “Dottor Frankestein”, in quanto sembrava aver trasformato la fantascienza in realtà, in riferimento alla storia dei bambini nati “senza padre” raccontata nel romanzo di Aldous Huxley “Brave new world”. Nel 1936 Pincus pubblicò un lavoro intitolato “The eggs of Mammals”, che ricevette riconoscimenti scientifici. Nonostante questo, l’università di Harvard non gli rinnovò il contratto come docente, lasciandolo senza lavoro e con la famiglia da mantenere in piena recessione.

GregoryPincus.png (105423 byte)

Gregory Pincus

Un suo vecchio amico di Harvard, Hudson Hoagland, lo invitò a lavorare presso la Clark University nel Massachussets, per poi fondare nel 1944 la Worchester Foundation for Experimental Biology, che si occupava principalmente di ricerche sugli steroidi. Nel 1953 Margaret Granger e la sua amica e compagna di lotta sociale per l’emancipazione della donna Katherine McCormick si rivolsero al dottor Gregory Pincus affinché sviluppasse una pillola per il controllo delle nascite. Egli era sicuro che sarebbe stato in grado di realizzare quello che gli era stato richiesto anche perché era a conoscenza di studi che dimostravano come il progesterone avesse un effetto di blocco sull’ovulazione. Con il contributo di 40.000 dollari stanziati dalla McCormick, Pincus e il suo collega Min-Chueh Chang dimostrarono attraverso ripetute iniezioni di progesterone negli animali il blocco dell’ovulazione. Pincus allora iniziò ad effettuare esperimenti con due anticoncezionali orali, il noretindrone della Syntex e il noretinodrel della Searle.

< Precedente | Indice del Supplemento | Seguente >

Usa il motore di ricerca!