Supplementi al Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

Il confezionamento dei prodotti ittici in atmosfera modificata 

< precedente | pagina 2 di 8  | seguente >

Indice di confezionamento dei prodotti ittici in atmosfera modificata

Indice del Dizionario di Chimica e Chimica Industriale

 Marina Braida:  Il confezionamento dei prodotti ittici in atmosfera modificata                                         

 

 

Tecniche di conservazione tradizionali

I prodotti ittici possono essere conservati attraverso l’impiego del freddo (refrigerazione, congelamento, surgelazione) attraverso l’impiego del calore o attraverso la fermentazione (semiconserve, conserve). Le conserve presentano sterilità commerciale (assenza germi patogeni, sporigeni e non), assenza di tossine, e possono essere tenute a temperatura ambiente. Le semiconserve presentano assenza germi patogeni, assenza di tossine e devono essere conservate a 2-4°C. Le semiconserve, così come le conserve, possono essere cotte e addizionate di additivi quali acido lattico, acido acetico, acido citrico, esteri di acido benzoico, formaldeide, acido formico, potassio sorbato, polifosfati di sodio, sorbitolo e sodio benzoata.

Refrigerazione

I prodotti ittici vengono conservati a temperatura di 0-1°C in celle frigorifere oppure mescolati a ghiaccio in scaglie in scatole di polistirolo (ghiacciatura). Il prodotto è conservato tal quale oppure viene prima sviscerato; può essere conservato anche in forma di filetto o di pesce in toto, sviscerato e confezionato sottovuoto o in atmosfera modificata. La sua vita commerciale è di circa 7-8 gg per il prodotto ittico tenuto in ghiaccio, mentre di 9-10gg per il prodotto confezionato sottovuoto. Il principale punto critico di controllo della conservazione dei prodotti ittici refrigerati è il mantenimento della catena del freddo, durante il loro stoccaggio al mercato o al punto di vendita e il trasporto.

Congelamento e surgelazione

Il processo è ottenuto per circolazione di aria forzata o per contatto a placche. La temperatura del prodotto è di circa -18-30°C. i pesci di grossa taglia sono solitamente congelati sviscerati e lavati; quelli di piccola taglia sono confezionati integri o sottoforma di filetti,tranci, pezzi o interi sviscerati e surgelati.

La tecnica di congelamento può portare ad una decontaminazione del prodotto; si può osservare una perdita del 90% della carica microbica iniziale. I prodotti ittici sono confezionati sottovuoto in film di polietilene e in altri involucri impermeabili all’acqua e all’ossigeno, per evitare fenomeni di evaporazione, di rancidità, di perdita di colore ed aroma. Anche in questo caso il principale punto critico di controllo è il mantenimento della catena del freddo (-18°C), durante lo stoccaggio al mercato o al punto di vendita e il trasporto dei prodotti ittici. Lo stato microbiologico del prodotto congelato rispecchia quello del prodotto di partenza, i germi alteranti sopravvissuti al congelamento possono sviluppare durante scongelamenti lenti o improvvisi. Da ciò l’importanza del mantenimento costante di una temperatura inferiore ai – 10°C.

Essiccamento

Il prodotto (es. stoccafisso) viene sviscerato, decapitato, lavato, salato ed essiccato per esposizione all’aria o in impianti di essiccamento. L’umidità finale deve essere inferiore al 15%. Il prodotto esposto all’aria risulta più inquinato per opera di animali (uccelli, insetti, artropodi) e presenza umana, mentre quello essiccato in impianti risulta più uniforme nella qualità. Il punto critico di controllo principale è rappresentato dalla conservazione successiva. I prodotti devono essere conservati in magazzini ben aerati a umidità relative del 65%. Infatti, il prodotto è fortemente igroscopico e di conseguenza si reidrata in ambiente umido, favorendo lo sviluppo di una flora superficiale costituita da batteri, muffe e lieviti, che danno origine a slime o patine colorate.

Liofilizzazione

Il prodotto congelato viene sottoposto a disidratazione sottovuoto. Il procedimento è costoso ma mantiene intatte le caratteristiche organolettiche dell’alimento, che è stabile a temperatura ambiente se confezionato sottovuoto. Anche in questo caso il punto critico di controllo è la conservazione del preparato perché una sua eventuale reidratazione favorirebbe lo sviluppo incontrollato di microrganismi derivanti dalla materia prima.

Salagione

Il prodotto sviscerato, decapitato o integro viene asperso di sale, o messo in barili con strati alterni di sale oppure salato in salamoie (10-30%NaCl). Il prodotto (es. baccalà) risulta stabile senza ulteriori trattamenti. È consigliabile comunque confezionarlo e conservarlo a temperature di refrigerazione.

Marinatura

Tecnica di conservazione che prevede l’impiego di acido acetico e sale come agenti conservanti. Il pesce è utilizzato integro oppure è decapitato, eviscerato, lavato e trattato con diverse tecniche: a) marinatura in soluzione acqua-aceto (10%) NaCl (12%); b) cottura e successiva marinatura in acqua-aceto (2-3%) e NaCl (6%); c) frittura o arrostimento e marinatura in soluzione acqua-aceto-sale. Il punto critico di controllo principale di tale produzione è rappresentato dalla fase di acidificazione (pH prodotto < 4.5) e dal mantenimento del prodotto completamente sommerso dalla salamoia. Il controllo del grado di acidità è importante, perché il pH acido inibisce lo sviluppo di qualsiasi forma microbica.


 UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI UDINE

 Facoltà di Agraria,  Corso di Laurea Specialistica in Scienze e Tecnologie Alimentari

 Anno Accademico 2004-2005, tesi condotta sotto la direzione del Prof. Alessandro Sensidoni 


 Il sito Minerva in cui vi trovate ha migliaia di pagine. Utilizzate il motore di ricerca interno! Usa il motore di ricerca!

Home page