Vita del Buddha


29

30

Il giorno in cui il Buddha discese dal cielo in cui aveva predicato alla madre e agli dei incontrò una folla di uomini e di divinità che lo attendevano. In un'unica visione il Buddha mostrò loro la miriade di mondi esistenti, come ammonimento del minuscolo potere che ciascuno di loro esibiva con orgoglio.

Angulimala era un terribile bandito, che si ornava con una collana di dita tagliate alle sue vittime. Un giorno, nel momento peggiore della sua follia sanguinaria, si apprestava ad uccidere sua madre, quando vide il Buddha, mentre faceva il giro per elemosinare il cibo.

Angulimala desiderò subito di trucidare il Santo, e gli gridò "Fermati!". Il Buddha gli rispose sereno "Io mi sono già fermato".  Angulimala capì che il Buddha intendeva dire che ormai da tempo aveva fermato qualsiasi gesto che potesse far male a qualcuno.  Vinto dalla luminosa beatitudine del Risvegliato il bandito lasciò cadere la spada e si pentì.

[Indice][01-02][03-04][05-06][07-08][09-10][11-12][13-14]
[15-16][17-18][19-20][21-22][23-24][25-26]][27-28][29-30][31-32]


Fonte: S. Dhumphakdi & Sons Publisher, Bangkok, Thailand