Vita del Buddha


03

04

Secondo le consuetudini del tempo la madre del futuro Buddha volle tornare alla casa paterna per dare alla luce la sua creatura. Ma lungo la strada, mentre la madre si chinava per raccogliere un fiore, il bimbo nacque. Era una notte di luna piena, sei secoli prima di Gesù, nel meraviglioso parco di Lumbini. Subito dopo la nascita il bimbo fece sette passi, sostenuto ad ogni passo da un grande fiore di loto. Alzando un dito disse "Io sono senza eguali".

Un anziano asceta di nome Kaladevila, dotato di grandi poteri, capì che era nato un Salvatore e andò a visitare il bimbo nella reggia del padre, il re Suddhodanama. A un certo punto l'asceta scoppiò a piangere, e il re preoccupato gli chiese se era perché vedeva nel futuro un triste destino per suo figlio. Kaladevila disse che piangeva perché era troppo vecchio e sarebbe morto prima che il bimbo avesse cominciato ad insegnare la via di liberazione dalle pene di questo mondo. Il futuro Buddha, per consolare Kaladevila apparve sospeso sulla testa dell'asceta. Il re, la regina e tutti i presenti si inchinarono di fronte al principe.

[Indice][01-02][03-04][05-06][07-08][09-10][11-12][13-14]
[15-16][17-18][19-20][21-22][23-24][25-26]][27-28][29-30][31-32]


Fonte: S. Dhumphakdi & Sons Publisher, Bangkok, Thailand