Minerva

Osservatorio sull'industria alimentare

  Barilla  Coca-Cola Ferrero Pepsi Danone Kraft  Masterfoods McDonald's Nestlé Procter & Gamble Unilever Heinz


 

Heinz: Plasmon

 

                                                                               

 

Questa successione di immagini è presentata nel sito ufficiale della Plasmon. Non si può non essere che d'accordo con la promessa  di non mettere organismi geneticamente modificati (OGM) nelle pappe dei bambini - con opportuni controlli, si spera. Tuttavia la connessione fra gli OGM e la provetta chimica è fuorviante, e la dicitura "chimici di sintesi" non fa altro che accrescere l'immagine già negativa dell'attività di ricerca dei ricercatori chimici. Come se tutto il nostro mondo industrializzato non funzionasse proprio grazie a prodotti "chimici di sintesi". 

All'utente del sito della Plasmon che abbia qualche curiosità sugli OGM il sito della Plasmon  propone queste informazioni: 


Nella pagina del sito Plasmon si legge "OGM alla larga!". 

Poi, in diagonale rispetto  alla mucca che occhieggia in alto a sinistra, si vede, in basso a destra, il  simbolo di divieto della chimica.

 

Come non pensare che sia la chimica a produrre gli OGM?

Commento 1. La Redazione di Minerva è fortemente contraria all'uso agricolo e alimentare di organismi geneticamente modificati (OGM). Fonti estremamente autorevoli vogliono rassicurare i cittadini nei confronti della diffusione degli OGM affermando che gli alimenti che ne derivano non possono essere dannosi, nel consumo attuale e nel futuro genetico delle popolazioni umane ed animali che se ne cibano. Il dibattito sugli OGM è molto complesso, e qualsiasi intervento richiede particolari competenze, tuttavia si dovrebbe ricordare che siamo ancora in uno stato di sostanziale ignoranza rispetto al possibile 'passaggio spontaneo' di un gene da una specie all'altra, e che non è affatto detto che l'esistenza delle nuove proteine generate dal DNA modificato si concluda in una digestione distruttiva nell'intestino. In fin dei conti la proteina prionica infettiva (PrPsc) responsabile della 'malattia della mucca pazza' entra nel nostro organismo attraverso l'alimentazione.

Commento 2. Il rapporto fra chimica e OGM non c'entra nulla con la possibile pericolosità degli stessi OGM. Negli anni 1960 la chimica e la biochimica hanno fornito ai genetisti le procedure di laboratorio che sono state alla base dell'ingegneria genetica, ma la chimica rimane chimica, e il suo compito è di produrre nuove sostanze, non di generare nuovi organismi. In questo senso il simbolo di divieto adottato dai pubblicitari della Plasmon falsifica la realtà della ricerca scientifica.

Commento 3. Si veda una semplice definizione di organismo geneticamente modificato (OGM).


< Precedente | Industrie alimentari: Heinz | Seguente >


Home page

Indice 0sservatorio Dizionario di chimica Additivi alimentari

Parole difficili

Boicottaggio

Feticismo

Epistemologia & Etica