Minerva

Osservatorio sull'industria alimentare

  Barilla  Coca-Cola Ferrero Pepsi Danone Kraft  Masterfoods McDonald's Nestlé Procter & Gamble Unilever Heinz


 

Nutella!

Una mini-storia e il contributo di Michele Ferrero

 

 

 



Storia

La storia di Nutella nasce con Michele Ferrero, che decise di migliorare, cambiando composizione, nome e veste grafica ad un prodotto che già Ferrero vendeva in Italia - la Supercrema - che aveva le potenzialità per diventare un grande successo in Italia ed all´estero.

 

 

 

 

Nutella dalla nascita fino ai giorni nostri

Michele Ferrero, il figlio dei fondatori del grande gruppo dolciario - Pietro Ferrero e la moglie Piera Cillario - levò quindi dal mercato Supercrema, che fin dal 1951 si vendeva in tutta Italia, che a sua volta era l´evoluzione del "Giandujot", dolce confezionato in pani da tagliare a fette a base di nocciole, zucchero, cacao, creato nel primo dopoguerra da Pietro nella sua pasticceria di Alba. Dal 1963 in azienda si incominciò a lavorare per creare un nuovo marchio che sostituisse Supercrema e potesse conquistare i consumatori di tutta Europa. Si voleva mantenere il legame con il territorio - con la nocciola "tonda gentile" delle Langhe dalla quale era nato il prodotto - e con la tradizione della pasta Gianduja, che aveva preso il nome nel 1865 dalla maschera del carnevale torinese. 

 

 

 

Poiché nocciola in inglese si dice nut (o hazelnut) e in tedesco nuss, con l´aggiunta di un dolce suffisso in ella si arrivò al nuovo nome Nutella, che fu registrato alla fine del 1963. Il marchio -dalla caratteristica "n" di colore nero con le altre lettere in rosso - è rimasto immutato per quarant´anni, e si abbina all´immagine della fetta di pane spalmata di crema, con il coltello, il bicchiere di latte e le nocciole in primo piano: una composizione anch´essa registrata come immagine guida che è ancora oggi sui milioni di vasetti di Nutella venduti nel mondo.


Il successo

Tra il 1964 ed il 1984, in particolare, la crescita delle vendite della Nutella fu esponenziale e portò al successo tutta l´azienda dolciaria, che nel frattempo diversificò la produzione inventando nuovi marchi. Tra le ragioni del successo vi fu anche la scelta da parte di Ferrero di presentare il prodotto in contenitori di vetro sempre nuovi: bicchieri, tazze e vasetti da collezionare e da usare in tavola, in cucina. Dal 1990 in poi si sono abbelliti con tanti personaggi dei fumetti e dei cartoni animati. Ora attorno a quei vetri d´antan si è sviluppato un importante collezionismo con pubblicazioni, siti Internet, aste e mercatini. La Nutella è stato anche il primo "prodotto impresa" voluto dalla Ferrero, con una forte autonomia per il brand: un modello che fu poi ripetuto per altri prodotti di successo varati in quel ventennio. Nel 1968 nacquero la linea Kinder e i Pocket Coffee, nel 1969 i Tic Tac, quindi (nel 1972) l´Estathé, poi nel 1974 Kinder Sorpresa e infine i Ferrero Rocher nel 1982. Tutti prodotti unici, inimitabili come Nutella e in grado di creare un mercato prima inesistente.


Fonti. Immagini e testi da siti ufficiali della Ferrero


 < Precedente | Industrie alimentari: Ferrero | Seguente >


Home page

Indice 0sservatorio Dizionario di chimica Additivi alimentari

Parole difficili

Boicottaggio

Feticismo

Epistemologia & Etica