Osservatorio sull'industria alimentare

  Barilla  Coca-Cola Ferrero Pepsi Danone Kraft  Masterfoods McDonald's Nestlé Procter & Gamble Unilever Heinz


Multinazionali alimentari e patologia della vita quotidiana

 

Le multinazionali prendono possesso della vita quotidiana dei cittadini non soltanto mediante i prodotti che alluvionano il mercato internazionale, ma anche attraverso il forte valore simbolico delle loro merci. Questo valore simbolico è costantemente ingigantito dalla pubblicità, ed è rafforzato potentemente da due altri fenomeni sociali: l'uso del marchio (in senso molto ampio) in oggetti del tutto eterogenei rispetto alle merci della multinazionale proprietaria del marchio, e il collezionismo. 

Minerva inizia una ricognizione iconografica su questi due aspetti per proporre una riflessione sul possibile impatto psicologico del diluvio dei marchi di fabbrica. L'impatto psicologico è indubbio per quanto riguarda l'orientamento dei cittadini verso modelli di consumo precostituiti dallo stesso potere economico che tanto si dilunga sul 'libero mercato'. Non raramente l'incisività psicologica dei marchi e degli oggetti 'marchiati' giunge alle soglie dell'aggressione patologica: è il caso del collezionismo.

La ricognizione iconografica partirà dalla diffusione del marchio della Coca-Cola, per poi trattare anche altri marchi alimentari famosi, come quello della McDonald's e della Pepsi. Prima di iniziare si possono leggere due pareri sul collezionismo:

                                        La psicanalisi: feticismo e collezionismo patologico

                                        La collezione: un sintomo di egoismo e solitudine

Alla fine di dicembre 2005 Minerva ha usato ancora una volta Google come oracolo e ha avuto queste risposte: in Rete la parola |collezionismo| compare in 4.170.000 pagine; se si cerca la parola |collezionismo| associata a |feticismo| si ricava l'indicazione di un linguaggio specialistico: 69.700 pagine. Ma la parola |feticismo| si riscatta immediatamente quando viene inviata a Google 'in solitario'. In questo caso la parola |feticismo|, in gran parte per uso pornografico, raccoglie 1.210.000 pagine (il 18 febbraio 2006, queste le pagine sono diventate 1.540.000; Minerva è al 17° posto con l'indice delle parole difficili).

                                                        La collezione: 84 oggetti Coca-Cola

Arte e consumo: la Coca-cola

Arte e consumo: Pepsi-Cola e Gatorade


Home page

Indice 0sservatorio Dizionario di chimica Additivi alimentari

Parole difficili

Boicottaggio

Feticismo

Epistemologia & Etica