Parole difficili: Consumo critico e boicottaggio

Vai all'indice


Consumo critico e boicottaggio

Materiali


L'atteggiamento etico delle imprese secondo l'Agenzia Monster

Imprese e consumatori




L'unica leva che può "obbligare" le imprese ad assumere un atteggiamento diverso, etico, sono quei consumatori che acquistano con la consapevolezza del proprio potere

La Responsabilità Sociale delle imprese riguarda diversi ambiti (aziendali e non): dal rapporto con i consumatori, all'impatto sull'ambiente, alla sperequazione esistente tra le economie povere e quelle ricche.

È facile quindi che riguardo ad un tema così ampio, dibattuto ed allo stesso tempo "delicato", si creino potenziali situazioni ed ambiti di disaccordo tra il mondo della produzione (aziende) e quello del consumo.
In più, possono esistere anche altre situazioni di potenziale conflitto, laddove l'atteggiamento delle persone che lavorano in azienda differisca dalle politiche aziendali. Infatti più che le regole, le procedure e le politiche aziendali, spesso contano gli atteggiamenti, il "fare" quotidiano delle persone che lavorano in azienda.

Dobbiamo inoltre tener conto che l'atteggiamento dei consumatori, nel corso degli ultimi anni, è diventato decisamente più attento, critico e quindi sensibile alle tematiche sociali. Se da un lato i consumatori sono disposti a premiare le aziende che si sono distinte per l'impegno sociale (riconoscendo un maggior valore, ai loro prodotti) dall'altro sono meno tolleranti verso quelle aziende che, nel loro operato, si dimostrano essere socialmente meno "attente".

L'unico driver o leva che può "obbligare", guidare, le imprese ad assumere un atteggiamento diverso, etico, sono quei consumatori che acquistano con la consapevolezza del proprio potere e che si pongono in una posizione contrattuale con le imprese tale da indurre quest'ultime a comportamenti più corretti.

Gli strumenti a disposizione dei consumatori che decidono di esercitare attivamente il loro potere, incidendo sui profitti delle aziende giudicate non etiche sono il consumo critico, le campagne di pressione ed il boicottaggio.


< Precedente | Indice dei testi sul boicottaggio | Seguente >


Fonte del testo: Agenzia Monster


Le pagine sul boicottaggio e il feticismo sono nate in appoggio all'Osservatorio sull'industria alimentare. L'Osservatorio documenta la presenza nella vita quotidiana delle grandi multinazionali alimentari:

  Barilla  Coca-Cola Ferrero Pepsi Danone Kraft  Masterfoods McDonald's Nestlé Procter & Gamble Unilever Heinz