Grafica delle campagne di boicottaggio

 

Francia

Contro la Coca-Cola

Vai all'indice

 

 

 


< Precedente | Indice dei testi sul boicottaggio | Seguente >


Commento 1. Nella prima immagine il poster francese invita a non bere Coca-Cola perché sostiene lo Stato di Israele. Lo scenario è quello della spianata delle moschee, un luogo sacro di Gerusalemme. Nella seconda immagine, di stile turistico, è ripresa la stessa spianata delle moschee. La cupola dorata, in effetti, non riporta ancora il logo della Coca-Cola.

Commento 2. La questione del boicottaggio dello Stato di Israele è a dir poco 'delicata'. In Rete è quasi ossessiva l'accusa che chiunque boicotti l'economia dello Stato di Israele non faccia altro che ripercorrere la strada che ha condotto i nazisti a perpetrare la Shoah. Sembra essere difficile da capire la distinzione fra gli interessi di uno Stato e il rispetto dei fedeli di una religione millenaria - un rispetto identico a quello che spetta ai buddhisti, o anche agli atei. 


Le pagine sul boicottaggio e il feticismo sono nate in appoggio all'Osservatorio sull'industria alimentare. L'Osservatorio documenta la presenza nella vita quotidiana delle grandi multinazionali alimentari:

  Barilla  Coca-Cola Ferrero Pepsi Danone Kraft  Masterfoods McDonald's Nestlé Procter & Gamble Unilever Heinz